Caricamento in corso...
21 novembre 2012

Camacho colpito da un proiettile alla testa: è gravissimo

print-icon

Il tre volte campione del mondo in tre categorie diverse (superpiuma e leggeri Wbc e superleggeri Wbo) è in fin di vita dopo essere essere stato colpito al volto mentre era alla guida della sua auto. Rischia la paralisi

Il tre volte campione del mondo di boxe Hector 'Macho' Camacho è in gravi condizioni, secondo alcuni in fin di vita, dopo essere essere stato colpito da un proiettile al volto mentre si trovava alla guida della propria auto.

Secondo quanto riportano alcuni 'media' portoricani, in particolare 'Primera Hora', Camacho era in automobile a Bayamon quando è stato colpito da un proiettile sparato da una vettura che si trovava vicino alla sua. Non è ancora chiaro se il colpo fosse diretto verso l'ex pugile o se si sia trattato di un proiettile vacante. Fonti da Portorico confermano che nell'auto con 'Macho' Camacho si trovava un uomo che è morto sul colpo.

Il dottor Ernesto Torres, direttore del centro sanitario di Rio Piedras, dove è stato trasportato l'ex pugile, ha detto di non poter dire con certezza che Camacho sopravviverà, "anche se per fortuna il proiettile non ha colpito il cervello", mentre invece ha preso la mascella sinistra dell'ex fuoriclasse. 'Primera Hora' pubblica anche una foto di Camacho in barella, privo di conoscenza e con una maschera di ossigeno sul volto, piena di sangue.
Il proiettile che lo ha colpito è entrato dalla mascella, è riuscito dalla testa per poi colpire nuovamente una spalla e fratturare due vertebre, secondo un comunicato dell'ospedale in cui l'ex campione del mondo è ricoverato con prognosi riservata. Camacho sarebbe quindi ferito in modo molto grave alla mascella e avrebbe riportato anche una ferita alla spalla di minore entità. E' stato sottoposto a respirazione artificiale e rischia la paralisi. "Camacho si trova in una situazione delicatissima, anche se il suo ottimo stato fisico può aiutarlo - ha dichiarato il direttore dell'ospedale, Ernesto Torres - E' comunque presto per poter affermare qualcosa". L'impresario di Camacho, Steve Tannenbaum, si è invece detto ottimista: "'Macho' ne ha viste di tutte, è un gatto dalle nove vite, stavamo cercando di organizzargli un ritorno sul ring a 50 anni. Vedrete che ce la farà, e che si salverà"

'Macho' Camacho è stato campione del mondo in tre categorie diverse (superpiuma e leggeri Wbc e superleggeri Wbo), e in carriera ha sfidato rivali del calibro di Roberto Duran, Oscar De La Hoya, Julio Cesar Chavez, Sugar Ray Leonard, Felix Trinidad, Ray 'Boom Boom' Mancini e Greg Haugen. In passato Camacho ha avuto problemi con la droga e, nell'aprile scorso in Florida, è stato arrestato, e poi scarcerato su cauzione, per maltrattamenti nei confronti di un figlio, picchiato selvaggiamente dopo la 'scomparsa' di una somma di denaro

Tutti i siti Sky