01 settembre 2013

Corea, all'Italia un bronzo dopo l'oro donne nel doppio

print-icon

Mondiali di Chungju: Romano Battisti, argento a Londra 2012, e Francesco Fossi conquistano il bronzo nel doppio dopo l'oro azzurro di sabato nel doppio pesi leggeri donne formato da Laura Milani e Elisabetta Sancassani

A Chungju in Corea del Sud, ottava medaglia per l'Italia ai Mondiali di canottaggio. Romano Battisti - argento a Londra 2012 -, e Francesco Fossi, hanno infatti conquistato la medaglia di bronzo nel doppio. Un podio arrivato al termine di una gara molto combattuta, in cui la barca azzurra, dall'ultima posizione, ha rimontato sino alla terza concludendo alle spalle della Lituania, argento, e della Norvegia, medaglia d'oro. Battisti e Fossi, entrambi delle Fiamme Gialle, hanno così coronato un'annata che li ha visti vincere il titolo di campioni europei e la medaglia d'oro ai Giochi del Mediterraneo di Mersin.

Ma il canottaggio è donna - Sabato l'Italia ha vinto la medaglia d'oro nel mondiale assoluto e pesi leggeri con il doppio pesi leggeri delle Fiamme Gialle formato da Laura Milani e Elisabetta Sancassani. Argento agli Stati Uniti e  bronzo alla Germania. "Finalmente abbiamo finito il mondiale e lo  abbiamo fatto nel migliore dei modi - ha detto Elisabetta Sancassani  (capovoga, Fiamme Gialle)-. Sono tornata sul podio dopo 11 anni (Elisabetta Sancassani e Gabriella Bascelli vinsero la medaglia di  bronzo nel doppio senior durante i mondiali di Siviglia 2002 ndr). Era una settimana che pensavo alla finale di oggi. Certo speravo di  vincere, ma a questi livelli ogni minimo errore ti può costare caro  e, anche se hai vinto sia gli europei che la coppa del mondo di  Lucerna, rischi di vanificare tutto. A noi non è successo e ora sono  campionessa del mondo al termine di una gara che abbiamo gestito  inizialmente soprattutto con la testa e, nella seconda parte, col  cuore e con la determinazione che ci ha sempre contraddistinto durante tutte le gare che abbiamo fatto".

Soddisfatta anche Laura Milani (numero due, Fiamme Gialle): "Mi hanno detto che questa medaglia arriva a dieci anni esatti dall'ultima medaglia d'oro vinta dall'Italia ai mondiali assoluti in una specialità olimpica nel 2003, con Elia Luini e Leonardo Pettinari in doppio pesi leggeri (i mondiali erano quelli di Milano e il direttore tecnico azzurro era sempre Giuseppe La Mura, ndr). Mi fa molto onore questa cosa perché loro sono stati i modelli cui ci siamo ispirati per preparare questo doppio. Negli ultimi 750 metri ho accusato un po' di  stanchezza e allora ho detto 'vai Betta!' Perché so che lei quando  sente questo si gasa e non molla. La barca è ripartita -aggiunge  l'azzurra- e siamo arrivate sul traguardo ancora piene di adrenalina  anche se distrutte. E' un sogno che oggi ho realizzato, ma che sto inseguendo da molto tempo".

Tutti i siti Sky