user
03 marzo 2018

Coppa del Mondo, SuperG Crans-Montana: Brignone beffata ma felice, 4^ ex aequo. Vince Weirather

print-icon
bri

La campionessa azzurra, recente medaglia di bronzo alle Olimpiadi di PyeongChang in Gigante, chiude al quarto posto (in ex aequo con Michelle Gisin) il SuperG svizzero, prima prova dopo la manifestazione coreana. Terza fino alla trentesima atleta, l'azzurra è stata scalzata dal podio da Wendy Holdener per soli 13 millesimi. Vince Tina Weirather, che con questo successo si prende la testa della classifica di specialità portandosi a 46 punti di vantaggio sulla Gut, a una sola prova dal termine

Alla fine Federica avrà fatto un mezzo sorriso amaro, ma si sarà presto consolata. Pensando a quella medaglia di bronzo che ancora le brilla nel cuore e che da PyeongChang si è simbolicamente portata stretta al petto anche sulle nevi di Crans-Montana. Perché, quando era praticamente certa di aver strappato il 24esimo podio in una prova di Coppa del Mondo, seppur in ex aequo con la padrona di casa Michelle Gisin (oro in combinata alle recenti Olimpiadi invernali), ecco scendere col pettorale numero 31 (quindi fuori dalle favorite) un'indomabile Wendy Holdener, bravissima a strappare il terzo posto alle due colleghe e rivali. Alla fine, dunque, solo un quarto posto per la nostra Brignone, che comunque conferma le qualità di una ragazza che, insieme alla Goggia, rappresenta oramai la certezza dello sci femminile azzurro. Meglio di lei solo Tina Weirtaher, prima in 1:02.17, Anna Veith (+36 millesimi) e per l'appunto Wendy Holdener. Delude, invece, Sofia Goggia che chiude al 15esimo posto con un ritardo di 95 millesimi, appena uno in meno di Marta Bassino, 16esima. Meglio di loro Johanna Schnarf, nona a 81 millesimi.

Con questa vittoria la Weirather scavalca al comando della classifica di specialità la svizzera Lara Gut, oggi settima al traguardo. Con i 100 punti conquistati oggi, infatti, la sciatrice del Liechtenstein si porta a quota 421 punti, a +46 sulla Gut che ora avrà solo una gara a disposizione riprendersi il possesso della coppetta di specialità.

 

 

Il Super-G di Crans Montana è stata anche l'ultima gara in Coppa del Mondo di Verena Stuffer. L'azzurra, partita con un pettorale diverso da quello delle sue compagne,  è scesa senza fretta, anche "a spazzaneve", salutando tutto lo staff della squadra italiana, schierata lungo il tracciato svizzero. Ad attenderla al traguardo, poi, le sue compagne, che l'hanno abbraciata e applaudita, oltre a farle una doverosa doccia di champagne. Classe 1984, 148 presenze in Coppa del Mondo, la Stuffer ha chiuso 10 volte tra le prime 10, senza mai riuscire a salire sul podio, sfiorandolo però nel SuperG di Cortina d'Ampezzo del 2014.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

De Canio: "Il derby ha una dimensione diversa"

Brescia, Boscaglia: "Punto che ci soddisfa"

Rubio in tripla doppia, Utah batte OKC in gara-3

Juve-Napoli e non solo: storie di partite-scudetto

T’wolves perfetti in gara-3: battuti i Rockets

Nadal-Nishikori, la finale che sorprende a metà

Davis e Holiday sopra quota 40: 4-0 Pelicans

Trophée Hassan II, rimonta super di Pavan

Vacchi lancia "Love", la hit con i calciatori

Nuovo caso Marquez: ecco il perché della penalità

Mou: "Champions? La Roma può, ma non è Triplete"

I PIU' VISTI DI OGGI
I più visti di oggi