Eurolega, Zenit San Pietroburgo-Olimpia Milano 79-70: i russi ora si avvicinano

Eurolega

Pietro Colnago

Twitter @OlimpiaMilano

A Sanpietroburgo, in un palazzetto con tremila spettatori sugli spalti, l’Olimpia se la gioca fino al quarto periodo quando a risolvere è Pangos, il playmaker dello Zenit che firma il 79-70 che ribalta anche lo scontro diretto e avvicina i russi ad una sola partita di differenza in classifica

Dall’alto del suo secondo posto in classifica d’Eurolega l’Olimpia atterra nel gelo di San Pietroburgo per affrontare lo Zenit, che è solo a due partite di distanza ma con una partita in più da recuperare, per giocare una sfida che ha già  il sapore di playoff. Dopo l’iniziale 5-0 milanese firmato tutto da Shields lo Zenit viene però messa in moto dal calore dagli oltre tremila spettatori presenti sugli spalti, situazione totalmente nuova nella stagione, e sospinta dall’ex Gudaitis ribalta la partita per andare al primo riposo avanti 19-15. Rodriguez e Datome cercano di tenere Milano a contatto ma Poythress e Rivers scavano il solco del +11 russo che però viene quasi totalmente annullato dalla vivacità del Chacho che segna e fa segnare Roll per andare negli spogliatoi con solo 2 punti da recuperare. Nella ripresa i 10 punti di un ritrovato Punter e le conclusioni di Shields mettono l’Olimpia con la testa avanti e ci vogliono le triple di Baron per mandare le squadre all’ultimo riposo sul 54 pari. Nell’ultimo periodo sale in cattedra Pangos: il playmaker dello Zenit con 10 punti negli 5 minuti spacca in due la partita e regala allo Zenit la vittoria 79-70 ribaltando lo scontro diretto e avvicinandosi ad una sola partita a Milano che ora è attesa tra tre giorni alla sfida interna col Kimkhi fanalino di coda.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.