11 settembre 2008

Zola al West Ham: 'Un onore essere qui, darò il massimo'

print-icon
god

L'ex calciatore del Chelsea incassa gli auguri di Lippi e rilancia la sfida: 'A Stamford Bridge 7 anni stupendi ma ora sono pronto per quest'avventura'

Gianfranco Zola è il nuovo allenatore del West Ham United: l'annuncio è stato dato dal club londinese, dopo la firma sul contratto di tre anni dell'ex fantasista del Chelsea. L'ex vice di Pierluigi Casiraghi alla guida dell'Under 21 prende il posto di Alan Curbishley, che si era dimesso la settimana scorsa.
Zola, 42 anni, è stato preferito a Roberto Donadoni e John Collins, gli altri due candidati per la panchina della squadra di Upton Park. La nuova avventura di Zola comincerà sabato sul campo del West Bromwich.

In bocca al lupo - Prima di essere nominato ufficialmente 'Hammers' Magic Box ha incassato gli auguri di Marcello Lippi: "Penso che, considerando le caratteristiche che ha la figura dell'allenatore in Inghilterra, che sono completamente diverse da quelle presenti in Italia, non credo ci sia per Zola ambiente migliore di quello inglese per cominciare. Lui lì è un santone - ha poi aggiunto il ct a Sky - gode di una considerazione fantastica. Perciò è bella questa sua voglia di mettersi in gioco e non c'è posto migliore del campionato inglese per cominciare la sua avventura di allenatore. In bocca al lupo a Zola".

Prime sensazioni - Poco dopo sono arrivate le parole del neo tecnico, pronto a dare il massimo per questa nuova avventura: "E' un grande onore - ha subito detto Magic Box - mi aspetta un lavoro molto importante e sono molto contento. Farò del mio meglio. Questo è un club di grande tradizione, sono qui per sviluppare il talento della squadra. Darò tutto me stesso".

Passato glorioso -  Da Londra a Londra, dal Chelsea al West Ham. Nessun problema: "Ho vissuto sette anni meravigliosi al Chelsea, anni che non dimenticherò mai. Questa è un'esperienza differente, adesso sono un allenatore, farò tutto quello che posso. Cercherò di fare quanto di meglio per la squadra, porterò la mia esperienza, quella maturata prima da giocatore e quella maturata in questi ultimi anni in cui ho smesso di giocare. Ho le mie idee, sono stato nel calcio per 20 anni, quindi qualcosa da dare ce l'ho. Io aiuterò i giocatori e loro aiuteranno me".

Propositi tattici - Sarà un West Ham che cercherà il gioco d'attacco, ma con equilibrio: "Era nella mia natura di giocatore attaccare, la mia filosofia prevede di fare quindi il meglio in questo senso. I giocatori devono cercare di divertirsi per divertire, ma restando bilanciati, senza esagerare quindi. Pero' mi piace proporre un calcio offensivo. E mi piacciono le sfide. C'è emozione, lavorerò con una squadra giovane, è una grande opportunità, sono certo di poter fare un buon lavoro".

Prima dall'alto - Sabato, contro il West Bromwich, andrà in tribuna. Con se porterà il preparatore atletico Antonio Pintus. Un altro italiano, come al Chelsea qualche anno fa. "Sono tanti gli italiani al West Ham, c'è Di Michele, c'è Nani e ora ci sono anche io", ha sorriso Zola. Nessun dubbio, i tifosi degli Hammers aspettano solo di vedere i risultati.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky