Caricamento in corso...
13 settembre 2008

Cannavaro: ''Non mi ritiro ancora e penso al Napoli''

print-icon
can

Cannavaro non vuole appendere le scarpe al chiodo

A 35 anni suonati il difensore del Real Madrid non è stanco di misurarsi ai massimi livelli e crede alla realizzazione di due sogni: il Mondiale e la maglia partenopea

Un ragazzino - Trentacinque anni, un palmares invidiabile e l'intenzione di restare sulla cresta dell'onda a cavalcare i successi che con il Real Madrid e la Nazionale italiana vuole ancora raggiungere. Fabio Cannavaro parla dall'alto della sua esperienza, dei trionfi passati e di un futuro ancora condito da allenamenti e sfide. "Ho giocato nei migliori club del mondo, con i migliori giocatori ed ho vinto tanto, è tutto perfetto". Ma non ancora è abbastanza per appendere le scarpette al fatidico chiodo: "Quest'estate il mio agente non ha detto che era il mio ultimo anno, ma che era il mio ultimo anno al Madrid, solo perché mi rimane una sola stagione di contratto".

Napoli nel cuore - Cannavaro non ha nascosto il suo desiderio di tornare in serie A con un maglia a lui tanto cara: "E' certo che voglio giocare un anno al Napoli - ha spiegato - ma prima di Natale devo parlare con il Real e vedere se il club continua a fidarsi di me. Qui sto bene. Non mi ritiro ancora". Il centrale 'merengue' ha lavorato sodo per rientrare dopo l'infortunio accusato prima dell'Europeo: "Quando si torna in campo dopo tre mesi di infortunio si è felici, anche perché non è stato facile. Ho lavorato molto da solo. Dovevo essere pronto per la prima partita della Liga e ci sono riuscito".

Il Mondiale - Il giocatore ha, inoltre, un altro conto in sospeso: "Giocherò almeno fino alla fine del 2010 - ha spiegato - non aver giocato l'Europeo mi ha lasciato l'amaro in bocca, voglio essere al Mondiale e ho la fortuna di avere un allenatore con il quale posso parlare e dirgli se sto bene o no".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky