Caricamento in corso...
21 settembre 2008

Chelsea-Manchester United, un pari come al solito

print-icon
fc_

Chelsea e Manchester pareggiano allo Stamford Bridge

La supersfida allo Stamford Bridge, la prima dopo la finale di Champions di Mosca finisce 1-1. Goleada del Manchester City: 6-0 al Portsmouth. In Bundesliga lo Schalke vola, nella Liga il Barça castiga a domicilio lo Sporting di Gijon: 1-6!

Il big match - Finisce di nuovo 1-1, ma questa volta non ci sono i calci di rigore come nella finale di Champions... Nella quinta giornata del campionato inglese Manchester United e Chelsea si incontrano per la prima volta dopo la vittoria dei Red Devils a Mosca e, come allora, dopo i 90' di gioco non c'è alcun vincitore.

Allo Stamford Bridge passa per prima in vantaggio la squadra di sir Ferguson, quando al 18' del primo tempo Park deve solo spingere alle spalle di Cech al termine di una bellissima azione corale. Un capolavoro che tiene in apnea il Chelsea per quasi un minuto, con Evra a lanciare Berbatov, scambio successivo tra Rooney e Scholes che sulla sinistra mette al centro di nuovo per il bulgaro, la conclusione del quale viene solo respinta dal portiere dei Blues prima dell'intervento decisivo del coreano. Un'azione in chiaro stile United, che fermo a 4 punti (anche se con una partita in meno) aveva bisogno di una vittoria a tutti i costi per non perdere ulteriore terreno dalla vetta della classifica.

La voglia di vincere traspare anche nelle altre buone occasioni create dal Manchester, come il tocco dalla distanza di Rooney all'8', che per poco non sorprende Cech, e la forte conclusione di Ferdinand in area deviata sopra la traversa dal braccio del portiere. Per il tecnico dei Blues, Felipe Scolari, non sembra il modo migliore per debuttare contro lo storico nemico, con Joe Cole (al 9') e Anelka (al 13' e al 41') che non riescono a buttarla dentro causa imprecisione. Al 13', inoltre, il tecnico brasiliano è anche costretto a fare a meno di Ricardo Carvalho, che lascia il posto ad Alex per la possibile rottura del legamento di un ginocchio. Esce per infortunio anche van der Sar: il portiere ha la peggio dopo uno scontro in area con Anelka.

Nella ripresa, poi, al 9' Ferguson gioca anche la carta Cristiano Ronaldo, che proprio nella finale di Mosca aveva segnato l'ultimo dei 42 gol che gli sono valsi la Scarpa d'Oro 2008. Per il portoghese, questa volta, solo una conclusione fuori bersaglio al 12' e un buon assist dalla sinistra che Rooney manda sull'esterno della rete al 31'.

L'innesto giusto, invece, lo azzecca Scolari che, poco dopo la mezz'ora, manda in campo di Kalou il quale, al 34', pareggia di testa su un calcio di punizione dalla distanza. Da quel momento la partita passa nella mani del Chelsea, ma grazie a Kuszczak il Manchester si salva ancora su un tentativo di Anelka al 36'. Un punto a testa.

Altre di Premier - L'Arsenal capitalizza al meglio il mezzo passo falso del Liverpool (0-0 casalingo con il neopromosso Stoke City) ed il pareggio tra Chelsea e Manchester United (1-1) per conquistare per la prima volta in stagione la  vetta della Premier League, giunta alla quinta giornata. Grazie al successo di sabato (3-1) sul terreno del Bolton ora l'Arsenal ha 12 punti, mentre CHelsea e Liverpool sono staccati di una lunghezza e sentono sul collo il fiato dell'Aston Villa, che ha vinto in trasferta con il West Bronwich. L'avvio mediocre in campionato lascia il Manchester United staccato di ben 7 punti dalla vetta, ma con una partita in meno. Largo successo del Manchester City (6-0) ai danni del Portsmouth. Ancora a segno Robinho. Sempre alla ricerca del primo successo il Tottenham, ultimo in classifica, dopo lo 0-0 con il Wigan.

Bundesliga - Schalke 04 in testa alla classifica della Bundesliga con 11 punti. Dietro un terzetto composto dal neopromosso Hoffenheim, dallo Stoccarda e dall'Amburgo a 10. Il quinto turno ha visto la vittoria di misura dello Schalke ai danni dell'Eintracht di Francoforte. Prosegue la caduta libera del Borussia Dortmund che, dopo il tonfo casalingo con l'Udinese in Coppa uefa (2-0), ne prende 4 (ad 1) dall'Hoffenheim. Ma la caduta più rumorosa resta quella  del Bayern Monaco, travolto ieri a domicilio del Werder Brema con un 5-2 che ha lasciato sbigottiti i 69mila spettatori della Allianz Arena. La più pesante sconfitta casalinga subita dai bavaresi dal 1979 ha scatenato la stampa locale che ha parlato di 'umiliazione'. Ma i vertici della società, Uli Hoeness e Karl-Heinz Rummenigge, si sono affrettati ad assicurare che il  tecnico Jurgen Klinsmann gode di tutta la fiducia del club.

Liga - Il Real Madrid raggiunge l'Atletico portandosi ad un solo punto dal quartetto composto da Valencia, Almeria, Villarreal ed Espanyol. Se i colchoneros del Kun Aguero si erano imposti sul Recreativo con un sonoro 4-0, le merengues rispondono con uno 0-2  in casa del Racing Santander, firmato De la Red e Van Nistelrooy.
Vittorie casalinghe per Almeria (contro il Malaga), Bilbao (2-0 sul Valladolid) e Valencia (un gol di Mata "mata" l'Osasuna). Nel posticipo domenicale il Barcellona sotterra lo Sporting a Gijon con sei reti: Xavi, Eto'o, Keita, Iniesta e doppio Messi. Per i padroni di casa in gol Maldonado. Pareggi senza reti in Deportivo-Maiorca e nel derby di Siviglia.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky