04 novembre 2008

Maradona si presenta e chiama subito Denis e Lavezzi

print-icon
lav

'El Pocho' Lavezzi ed 'El Tanque' Denis sono stati convocati subito dal neo ct Maradona

Il nuovo ct dell'Argentina che sarà in tribuna al Bernabeu per Real-Juve convoca subito i 'due napoletani': "E' un onore, un sogno che si realizza essere nella nazionale. Mascherano ha tutti gli attributi per essere capitano e lo sarà"

Il sogno diventa realtà - E' cominciata ufficialmente, con la sua presentazione alla stampa, l'avventura di Diego Armando Maradona come ct della Seleccion. "E' un onore, un sogno che si realizza essere nella nazionale al fianco di Carlos - le prime parole dell'ex Pibe de Oro - Farò del mio meglio, sono tranquillo che possiamo dare alla Seleccion quello che merita". Maradona aveva al suo fianco il presidente della Federcalcio Julio Grondona e il direttore generale Carlos Bilardo ma non i due vice annunciati, Batista e Brown. Lo stesso ct della Seleccion ha ammesso che non c'è ancora un accordo con i vertici federali visto che lui ha chiesto come collaboratori Ruggeri e Mancuso. "Dobbiamo guardarci in faccia e dirci alcune cose - ha ammesso Maradona - Io cerco lealtà assoluta nei miei collaboratori, voglio che siano di ferro, che sia qui a lavorare e che accettino gli ordini del numero 1, che sono io".

Spirito di sacrificio - Il neo ct sa che dovrà lavorare "perchè se sto con le braccia incrociate non posso fare bene. Quando sono entrato qui ho avuto le stesse sensazioni di quando giocavo: mi si è gonfiato il petto". In vista dell'amichevole del 19 novembre a Glasgow, contro la Scozia, el Diez viaggerà stanotte in Europa, "domani vedremo Real Madrid-Juventus, parleremo con i giocatori, poi gireremo il Vecchio Continente per parlare con gli altri e dire loro come la pensiamo". "I giocatori che militano all'estero e sono giovani hanno sempre le porte della Nazionale aperte – ha aggiunto - Dovranno dimostrare impegno ogni domenica, ma io sarò sempre con gli occhi aperti su di loro. Carrizo? E' un grande portiere ed è nei nostri piani".

Capitano designato - "Mascherano è il calciatore che più si avvicina a quello che è il mio ideale di nazionale, ha tutti gli attributi per essere capitano e lo sarà". Diego Armando Maradona, prima di annunciare i convocati per l'amichevole del 19 novembre a Glasgow contro la Scozia, ufficializza che sarà il centrocampista del Liverpool il leader della sua nuova Seleccion. Il giocatore, nei giorni scorsi, aveva raccontato di aver detto no al neo ct ma Maradona è convinto che sia l'uomo giusto "perchè lavora con la testa, si sacrifica e si preoccupa dei compagni". La sua Argentina sarà una squadra in cui "i giocatori si distribuiranno sul campo nel miglior modo possibile, che tengano la palla e che facciano del calcio un divertimento mentre fuori dovranno essere i professionisti che sono. Non chiederò loro niente che gli altri non hanno già chiesto".

Convocati Lavezzi e Denis - Subito dopo l'annuncio della sua nomina, e le prime parole da ct 'ufficiale', Diego Maradona ha reso noto la sua prima lista di convocati, quella per  l'amichevole del 19 novembre a Glasgow contro la Scozia. Il tutto nel corso della conferenza stampa nella sede della federcalcio ad Ezeiza. Nella lista ci sono cinque 'italiani': Carrizo della Lazio, Burdisso e Zanetti dell'Inter e Denis e Lavezzi del Napoli. Gli altri convocati sono: Romero, Coloccini, De Michelis, Diaz, Heinze, Di Maria, Gago, Gonzalez, Gutierrez, Mascherano, Rodriguez, José Sosa, Aguero, Lopez e Tevez. Maradona ha chiarito che non ha chiamato Messi per l'accordo esistente tra il presidente dell'Afa Julio Grondona con il Barcellona, fatto ai tempi del 'via libera' alla partecipazione della 'Pulce' ai Giochi di Pechino, in base al quale al giocatore vengono risparmiate alcune amichevoli. Maradona ha poi ribadito che in nottata partirà per la Spagna insieme a Carlos Bilardo per contattare "tutti i giocatori possibili". "Non abbiamo pero' ancora deciso se  andremo anche in Italia", ha aggiunto

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky