Caricamento in corso...
25 novembre 2008

Pugno duro della Fifa, Perù bandito da tutte le competizioni

print-icon
per

La nazionale di calcio peruviana rischia di saltare la Coppa Libertadores e le qualificazioni dei Mondiali 2010

La decisione dell'organizzazione presieduta da Joseph Blatter è dovuta "alla grave situazione interna che vive il calcio peruviano, che soffre di evidenti intromissioni da parte del suo governo nazionale"

La Fifa ha sospeso provvisoriamente dalle competizioni internazionali la Federcalcio peruviana (FPF). La decisione dell'organizzazione presieduta da Joseph Blatter è dovuta "alla grave situazione interna che vive il calcio peruviano, che soffre di evidenti intromissioni da parte del suo governo nazionale, fatto condannato esplicitamente dallo statuto della Fifa", come spiegato dal Conmebol, la confederazione sudamericana. Destinatarie della sospensione sono tutte le squadre di club e la  nazionale. Il Conmebol ha espresso la propria solidarietà al  presidente della federcalcio peruviana Manuel Burga e agli altri  dirigenti della federazione.

Secondo il Conmebol, Burga è stato eletto "democraticamente a ottobre del 2007". Il governo peruviano non vuole riconoscere Burga come presidente federale in quanto lo scorso anno l'Istituto dello sport peruviano lo aveva sospeso fino al 2013 da qualsiasi incarico dirigenziale per presunte irregolarità da lui commesse. Sospensione mai rispettata dal 51enne Burga e condannata dalla Fifa, che la considera una grave intromissione da parte della politica nelle questioni interne della federcalcio locale. Il 19 dicembre a Tokyo, in occasione della riunione dell'esecutivo, la Fifa deciderà se confermare o recovare la sanzione, che se dovesse perdurare comporterebbe l'esclusione delle squadre peruviane dalla coppa Libertadores e l'impossibilità per la nazionale peruviana di giocare le partite di qualificazione dei Mondiali del 2010.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky