Caricamento in corso...
27 dicembre 2008

Amauri non ascolta la mamma: "Il mio cuore è del Brasile"

print-icon
ama

Amauri con la maglia gialla che presto potrebbe diventare quella della Nazionale brasiliana

L'attaccante della Juventus sempre più vicino alla Nazionale di Dunga che a quella di Marcello Lippi. La madre gli ha consigliato di scegliere l'Italia ma lui: "Se sarò convocato nella Seleçao si realizzerà un altro sogno"

Le parole di Carlos Dunga, la possibilità riemersa dopo anni di dimenticatoio senza gloria e senza onore da parte della Seleçao, hanno fatto ormai breccia nel cuore di Amauri. Si allontanano di giorno in giorno le possibilità che il centravanti della Juventus possa vestire l'azzurro. Le difficoltà legate al passaporto italiano, la pressione mediatica esercitata dal Brasile, il desiderio, unica cosa che a questo punto conta, del giocatore propendono tutti per una scelta verso il verdeoro. Nemmeno il consiglio della mamma sarà ascoltato, la quale ha ribadito come il figlio "dovrebbe scegliere l'Italia per tutto quello che questo Paese gli ha dato, mentre in Brasile nessuno credeva in lui". Parole dettate dalla riconoscenza, dovuta, così come sarebbe quella del giocatore, ma non un desiderio, di Amauri, che nasce dal fondo del cuore.

Il brasiliano ha ribadito la sua voglia di dire sì a Dunga al quotidiano "Terra": "Sono brasiliano - ha spiegato - Se avrò una possibilità la accetterò con tutto il cuore. Sono orgoglioso che due nazionali tanto forti mi vogliano, ma l'unica che mi può convocare è il Brasile, sarebbe un altro sogno che si realizza". Un desiderio finora celato in favore dell'Italia, improvvisamente riemerso alle parole dolci di Dunga, musica per le orecchie di Amauri, rumore per quelle di chi ha creduto che il giocatore potesse davvero vestire l'azzurro.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky