Caricamento in corso...
09 febbraio 2009

Il Chelsea esonera Scolari: "Peccato, è stato bello"

print-icon
che

Bye Bye Felipao. E' durata solo 6 mesi l'avventura di Scolari sulla panchina del Chelsea

E' durata 6 mesi l'avventura del brasiliano, che paga i risultati poco esaltanti dei blues. Tra i palpabili sostituti spunta il nome di Mancini, ma l'agente frena: nessun contatto. Tra i nomi anche quello di Eriksson, Di Matteo, Hiddink e Grant. IL VIDEO

Il Chelsea ha esonerato Felipe Scolari. Lo ha comunicato la stessa società londinese con una nota sul proprio sito. Fatale per il tecnico portoghese lo 0-0 di sabato a Stamford Bridge contro l'Hull City. Dopo venticinque giornate di Premier i Blues, che negli ottavi di Champions League affronteranno la Juventus, sono quarti in classifica con 49 punti, a meno sette dal Manchester United capolista che però deve anche recuperare una partita.

Luiz Felipe Scolari si è detto "grato per l'opportunità di aver lavorato al Chelsea e nel calcio inglese" e "dispiaciuto che non sia stato un rapporto più duraturo". "E' stata un'esperienza di grande valore, auguro al Chelsea  fortuna nelle tre competizioni a cui sta prendendo parte", aggiunge il tecnico esonerato, in un comunicato diffuso tramite  il suo agente Acaz Fellegger, preannunciando altresì che terrà presto una conferenza stampa.

Il Chelsea esonera Felipe Scolari. Ed ecco subito rispuntare il nome di Roberto Mancini tra i possibili candidati alla panchina dei Blues. Ipotesi però nuovamente smentita dall'agente dell'ex allenatore dell'Inter, Giorgio De Giorgis, contattato da calciomercato.it. "Il Chelsea non è una pista credibile per Roberto - ha detto - Non c'è stato alcun contatto". E comunque "fin quando non sarà risolto il contratto con l'Inter non succederà nulla". Di certo, l'Inghilterra a Mancini piace. "Molto - ha ribadito De Giorgis - al momento però non c'è nulla".

La società di Fulham Road ha già fatto sapere che è già cominciata la ricerca per il nuovo tecnico. Si sussurra la candidatura, oltre a quella di Roberto Mancini, di Sven Goran Eriksson, ma la soluzione più suggestiva sarebbe quella di Roberto Di Matteo. Bandiera del Chelsea, con cui ha giocato 119 partite, attualmente l'ex nazionale italiana è alla guida del MK Dons,  terza categoria. Alla sua prima esperienza da allenatore sta impressionando, salito al secondo posto con una squadra neopromossa (ex di Paul Ince). Ci sarebbero stati già dei contatti e Di Matteo avrebbe dato quella disponibilità che invece Gianfranco Zola ha fatto sapere di non voler concedere: almeno fino al termine della stagione vuole restare al West Ham.

E intanto i bookie inglesi sono già pronti con le quote sul sostituto di Felipe: in cima alla lista di Skybet.com, Gus Hiddink e Avram Grant, entrambi a 2,25. Non convince, al momento, l'idea Mancini, proposto a 9,00 al  pari di Zola e Rijkaard, mentre a 17,00 c'è un quintetto composto da Deschamps, Mourinho, Ancelotti, Klinsmann ed Eriksson. A 20,00, riferisce Agipronews, l'ipotesi che le redini della squadra saranno lasciate stabilmente a Ray Wilkins, l'allenatore in seconda che ha preso il posto del brasiliano, chiude la lavagna Fabio Capello, bancato a 50 contro 1.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky