06 marzo 2009

Man U, Chelsea e Arsenal, prove di Champions in Fa Cup

print-icon
dro

Drogba guiderà l'attacco del Chelsea anche in Fa Cup contro il Coventry

Le tre avversarie delle squadre italiane saranno impegnate nella prestigiosa Coppa d'Inghilterra. I Red Devils affronteranno fuori casa il Fulham con molte assenze a centrocampo, i Blues andranno a Coventry mentre l'Arsenal se la vedrà con il Burnley

La coppa d'Inghilterra come preludio al ritorno di Champions League: ferma la Premiership Chelsea, Manchester United e Arsenal sono impegnate in Fa Cup in attesa del confronto con le tre squadre italiane. Apre il programma del fine-settimana il Chelsea, ospite sabato a mezzogiorno del Coventry. Occhi puntati su Didier Drogba, due gol nelle ultime tre uscite, tornato ai suoi massimi. Fin qui Hiddink ha vinto quatro partite, acciuffando al  secondo posto della Premier League il Liverpool. L'obiettivo è la finale di Roma, ma la Coppa d'Inghilterra è ben più di un ripiego per il club di Stamford Bridge. "E' molto importante in  questa nazione, ma non solo qui, giocare la finale di Wembley in  maggio - le parole di Hiddink - . Quando allenavo in altri paesi sentivo che non si parlava solo della Premier League ma anche della Coppa d'Inghilterra. Contro il Watford ero tra gli  spettatori e ho avvertito ottime sensazioni. Spero di  riviverle".

Qualche assenza anche per Sir Alex Ferguson, che pure può contare su una rosa di tutt'altra consistenza rispetto a quella del Chelsea, indispensabile per centrare la clamorosa cinquina di successi. Soprattutto a centrocampo, nonostante la cronica assenza di Owen Hargreaves, non mancano le alternative. Qualche problema in più, viceversa, in difesa: un vero paradosso per una squadra che nelle ultime 11 gare di campionato ha subito due  soli gol. Anche al Craven Cottage contro il Fulham mancheranno Wes Brown, Gary Neville e Rafael, ma Sir Alex si consola con il ritorno,  soprattutto in chiave Europa,di Nemanja Vidic al fianco di Rio Ferdinand. Confermato sulla sinistra Patrice Evra, a destra ci sarà John O'Shea.

Più complicata la situazione dell'Arsenal, tornato in corsa per il quarto posto in Premiership dopo il successo sul campo del West Bromwich e il concomitante passo falso dell'Aston Villa (ora a -3) contro il Manchester City. Resta lunghissima la lista degli indisponibili, anche se per la sfida dell'Olimpico Arsene Wenger confida di ritrovare alcune pedine. Domenica c'è l'appuntamento con il Burnley, valido per gli ottavi di Fa Cup  (i Gunners sono un turno in ritardo), ma mancherà metà della difesa titolare - William Gallas e Mikael Silvestre - così come  Eduardo e Theo Walcott. Tutti arruolabili, però, per la trasferta italiana. Se il ritorno di Cesc Fabregas e Tomas Rosicky è previsto non prima della fine del mese, contro la  Roma non ci sarà neppure Emmanuel Adebayor. "La continuità di  risultati è la chiave di questo momento positivo - ha spiegato  Wenger -. Crediamo sempre più nelle nostre forze, motivazioni e qualità. Ho piena fiducia in questa squadra, l'importante è mantenere questo spirito".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky