14 marzo 2009

Premier League, Liverpool a valanga all'Old Trafford

print-icon
rei

Capitan Gerrard soccorre Reina per respingere un'incursione offensiva di Vidic

I Reds di Rafa Benitez danno una lezione a domicilio al Manchester di Alex Ferguson: Cristiano Ronaldo porta i suoi in vantaggio su rigore, ma la reazione degli ospiti è implacabile. Sul risultato di 1-2 espulso Vidic, finisce 1-4. Poker dell'Arsenal

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

Dunque, è possibile. All'Old Trafford si può vincere. Non c'è riuscito Mourinho ma Benitez sì. E il Liverpool toglie al Manchester United lo sfizio di prendersi la Premier con ancora dieci (undici per i Red Devils) partite da giocare. Resta socchiuso il campionato inglese, perché i Reds vincono 4-1 e si avvicinano un po' scomodi a meno 4. Virtualmente a meno 7, considerato il match da recuperare dello United. Ma di questi tempi è già tanto, il meno 10 sarebbe stato titolo semi-ufficiale per la squadra di Ferguson.

In più c'è il gusto dell'impresa. Perché il Liverpool non vinceva in casa dei Diavoli dall'aprile del 2004, e perché la rivalità tra le due squadre più titolate d'Inghilterra quest'anno avrà - forse - anche la pace dei numeri: diciotto titoli pari. E' per questo che Benitez si gode il trionfo. Per le speranze in classifica e il piccolo primato di unica squadra, quest'anno, ad oltraggiare il "Teatro dei sogni".

L'aveva detto, il tecnico spagnolo, che il Manchester non è "untouchable". Eppure la storia del match sembrava la solita: al 23' Park si fa abbattere in area da Reina, Cristiano Ronaldo segna il rigore dell'1-0. E invece la storia si ribalta in fretta. Perché il Liverpool gioca meglio e il pareggio non ci mette molto ad arrivare. Questione tra due decisivi in Champions: Vidic e Torres. Il difensore si fa scavalcare dal lancio lungo, poi si fa prendere il tempo dal bomber spagnolo (peraltro acciaccato), che se ne va e fa 1-1. L'equilibrio si rompe prima dell'intervallo. Al 44' Gerrard va via a Evra, ed ecco il secondo rigore di giornata: 2-1.

Ferguson aspetta un quarto d'ora dalla fine per buttare dentro i campioni fermi per turnover. Ma Berbatov e Scholes non fanno in tempo ad incidere. Perché nel frattempo Vidic completa la sua giornata terribile: blocca Gerrard al galoppo verso van der Sar e becca il rosso diretto. Non solo, la punizione che ne vien fuori è quella decisiva: Fabio Aurelio pennella e il portiere olandese la vede appena. La giornata si completa con anche una firma italiana in tabellino: al 92' Dossena vola sul rilancio di Reina e con un preciso pallonetto segna il 4-1 che chiude il conto. E riapre, un po', il campionato.

Dopo la dispendiosa qualificazione Champions ai danni della Roma, vince l'Arsenal: 4-0 contro il Blackburn grazie ai primi due gol inglesi di Arshavin e alla doppietta di Ebouè, e aggancia momentaneamente l'Aston Villa, impegnato domani con il Tottenham. Finiscono in parità, 1-1, le due sfide Hull-Newcastle e Middlesbrough-Portsmouth, mentre il Wigan si impone 2-1 sul campo del Sunderland. Chiuderà il programma il "Monday night" tra il West Ham e il West Bromwich. La squadra di Zola cerca punti per un posto in coppa e non ha di certo l'intenzione di fermarsi ora dopo le ultime due vittorie di fila contro City e Wigan.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky