30 marzo 2009

Iran, Ahmadinejad contro la nazionale: "Danneggia il paese"

print-icon
ahm

Il presidente iraniano Ahmadinejad si sfoga dando un calcio al pallone

Il presidente iraniano ha bacchettato la squadra dopo la sconfitta interna di sabato contro l'Arabia Saudita: "Dobbiamo agire in modo da non danneggiare i sentimenti del nostro popolo, in particolare dei giovani". Il ko è costato il posto al ct Ali Daei

Il presidente, Mahmud Ahmadinejad, ha bacchettato la nazionale di calcio iraniana dopo aver assistito insieme a 100mila spettatori alla sconfitta interna (1-2) di sabato contro l'Arabia Saudita. "Dobbiamo agire in modo da non danneggiare i sentimenti del nostro popolo, in particolare dei giovani", ha avvertito nel corso di una riunione di governo, "l'Iran ha grandi capacità in molti campi e dobbiamo sforzarci di più per valorizzare i nostri talenti". La sconfitta, che mette a serio rischio la qualificazione dell'Iran al suo quinto mondiale, è costata il posto al ct Ali Daei. Dietro la sortita di Ahmadinejad è probabile che ci sia anche la volontà di accattivarsi le simpatie di milioni di tifosi in vista delle presidenziali del 12 giugno.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky