Caricamento in corso...
07 maggio 2009

Coppa Uefa: la finale è Shakhtar Donetsk-Werder Brema

print-icon
nal

Il Werder Brema raggiunge lo Shakhtar nella finale di Coppa UEFA

Nelle semifinali di ritorno lo Shakhtar si aggiudica il derby ucraino 2-1 con la Dynamo Kiev grazie a un gol al 90' di Ilsinho. Il Werder Brema batte in rimonta 3-2 l'Amburgo con reti di Diego, Pizarro e Baumann. Il 20 maggio a Istanbul l'atto conclusivo

COMMENTA NEL FORUM DELLA UEFA

Werder Brema-Shakhtar Donetsk è la finale di Coppa Uefa. I tedeschi, infatti, nella seconda semifinale, capovolgono lo 0-1 patito all'andata in casa e vincono per 3-2 in casa dell'Amburgo, qualificandosi per la gara di Istanbul del 20 maggio. Diego - che pero' salterà la finale perchè era già diffidato e stasera ha rimediato un'ammonizione - e compagni ci hanno sempre creduto anche quando sono andati in svantaggio prima del quarto d'ora. Al 12' Pizarro lanciato a rete fallisce la porta. Gol mancato, gol subito. Un minuto più tardi, infatti, l'Amburgo passa al termine di un contropiede concluso con un bel tocco in porta di Olic. Al 26' lo stesso Olic ha sul piede la palla per il raddoppio, ma Wiese si oppone con il corpo in uscita. Al 29' il Werder Brema pareggia. Diego chiama la triangolazione con Pizarro e, poi, a tu per tu con Rost lo supera con un preciso pallonetto. Al 37' il brasiliano ci prova con un tiro dalla distanza e Rost si salva grazie alla traversa.

Al 7' della ripresa Pizarro va in gol ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Al 15' Wiese si salva con i piedi sulla conclusione di Trochowski. Il Werder Brema passa in vantaggio al 21' con Pizarro che, al termine di un'azione personale batte a rete: Rost, si allunga ma non trattiene la palla che si infila in porta. Alla mezz'ora, il portiere dell'Amburgo si riabilita salvando sullo stesso Pizarro lanciato a rete. Ma al 38' Baumann, con un rimpallo di testa, porta a 3 le reti del Werder Brema. L'Amburgo non demorde ed al 42' accorcia le distanze ancora con Olic. Il serrate finale dei padroni di casa non basta, il match si chiude a favore degli ospiti per 3-2 che, staccano così il biglietto per la finale con Shakhtar Donetsk.

Per la prima volta nella sua storia lo Shakthar Donetsk conquista la finale di Coppa Uefa. Dopo l'1-1 dell'andata, la formazione allenata da Mircea Lucescu prenota un biglietto per Istanbul superando 2-1 la Dinamo Kiev: decisivo il gol di Ilsinho a un minuto dal novantesimo. Dopo una prima fiammata ospite (diagonale di Bangoura), in campo c'è solo lo Shakthar, che prende d'assalto la metà campo della Dinamo. Le offensive della formazione di Lucescu non danno tregua agli uomini di Semin e al 17' arriva il vantaggio: pallone vagante nell'area della Dinamo, Betao non riesce ad allontanarlo e Jadson, gia' pericoloso qualche minuto prima con un tiro di poco alto, si avventa sulla sfera, infilando Bogush con una conclusione forte e precisa.

La reazione della Dinamo Kiev non tarda ad arrivare e al 37' gli ospiti arrivano anche al pari con Vukojevic ma l'arbitro giustamente annulla per fuorigioco. Nella ripresa gli ospiti entrano in campo con tutt'altro spirito e dopo due minuti arriva il pari siglato da Bangoura che, servito splendidamente da Aliyev dopo una bella manovra, spiazza di sinistro Pyatov. La partita si accende, sia lo Shakthar sia la Dinamo cercano con insistenza la rete e all'89' arriva il gol che spedisce gli uomini di Lucescu in finale: William pesca in area Ilsinho, azione ubriacante e sinistro che non perdona. Lucescu conferma i suoi ottimi precedenti con la Dinamo Kiev di Semin (mai perso in sfide ufficiali, tre vittorie e un pareggio) e porta i suoi a Istanbul.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky