Caricamento in corso...
13 giugno 2009

Confederations Cup. Cannavaro salta l'esordio con gli Usa

print-icon
can

Esordio rimandato per Capitan Fabio Cannavaro nella Confederations Cup 2009

Il capitano della Nazionale non sarà in campo contro gli Stati Uniti di Adu e Donovan lunedì sera a causa del problema alla caviglia che gli ha impedito di allenarsi con il resto della squadra. Lo staff azzurro ottimista: recuperabile per i prossimi match

COSI' LA CONFEDERATIONS CUP SU SKY SPORT

COMMENTA NEL FORUM DEGLI AZZURRI 

Fabio Cannavaro non ci sarà nella partita d'esordio della Nazionale nella Confederations Cup contro gli Stati Uniti, lunedì prossimo. Ma nello staff azzurro c'é "un moderato ottimismo" di poterlo "recuperare per le partite successive", a cominciare da quella di giovedì 18 con l'Egitto. Lo ha detto il medico azzurro Enrico Castellacci, chiarendo che "sarà molto difficile vedere Cannavaro in campo già lunedì".

I Lakers faranno probabilmente appena in tempo a prendersi la festa Nba, per poi lasciare uno spiraglio di
luce al piccolo soccer. Negli States la Confederations Cup è una chicca per pochi - relativamente - appassionati. Gli Usa, campioni in carica della Concacaf Gold Cup (batterono in finale il Messico 2-1) sono alla terza partecipazione, e se non fosse per il girone di ferro in cui il sorteggio li ha catapultati, l'obiettivo sarebbe di superare il terzo posto conquistato sia nel 1992 che nel 1999. Anche per rendere un po’ più appetibile il pallone, che, soprattutto quando non trattasi di Mondiale, è sempre più roba di nicchia, nonostante un buon 14esimo posto nel ranking Fifa.

In questo momento seconda dopo il Costarica nel girone nordamericano delle qualificazioni ai Mondiali 2010, la nazionale che esordirà lunedì sera contro l'Italia è sempre di più una selezione d'esportazione. Soltanto in sei giocano nella Mls che tra poco - forse - rivedrà in campo David Beckham. Tra questi c'è la stella Landon Donovan, tornato in patria, proprio ai Galaxy, dopo una buona esperienza in Bundesliga (Bayern Monaco e Leverkusen). Nome di garanzia con i suoi 38 gol in 109 presenze nazionali e i suoi due Mondiali in curriculum. Il problema principale di coach Bob Bradley è la difesa.

In porta c'è Howard (Everton), davanti a lui una linea di onesti mestieranti: Bocanegra (Rennes), DeMerit (Watford), Spector (West Ham) e Pearce (Hansa Rostock), che sono poi gli unici con una sufficiente esperienza internazionale. A centrocampo invece le cose vanno certamente meglio. C'è l'enfant prodige Freddy Adu (esordì a 17 anni nella Major League Soccer e attualmente milita in Francia, nel Monaco), Beasly (Rangers) e Michael Bradley (Borussia Moenchengladbach, figlio del ct). In attacco c'è tanto talento e pochi gol. Di Donovan abbiamo detto, al suo fianco potrebbero giocare Davies (Hammarby) e Dempsey (Fulham). La sorpresa potrebbe essere la stellina Jozy Altidore (appena promosso nella Liga con lo Xerez). Basteranno contro l'Italia e il Brasile?

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky