15 giugno 2009

Abete: sarà una verifica dei nostri livelli di competitività

print-icon
lip

Giancarlo Abete e Marcello Lippi, la coppia che governa la Nazionale azzurra

Il presidente della Federcalcio e commissario straordinario della Lega Calcio, Giancarlo Abete sulla Confederations Cup nel giorno dell'esordio: tutte le nostre Nazionali impegnate nelle fasi finali di competizioni internazionali. GALLERY E PROGRAMMA

IL CALENDARIO DI TUTTE LE PARTITE

COMMENTA NEL FORUM DEGLI AZZURRI

"Questa Confederations Cup sarà un momento di verifica immediata di quelli che sono i nostri livelli di competitività": così il presidente della Federcalcio e commissario straordinario della Lega Calcio, Giancarlo Abete, il quale ha sottolineato come "sia pure in un momento di difficoltà del calcio italiano tutte le nostre Nazionali siano impegnate nelle fasi finali di competizioni internazionali".

"Speriamo di fare bene - ha aggiunto - Ci siamo, come c'è l'Under 21 alle fasi finale dell'Europeo, come l'Under 20 ai Mondiali in Egitto, l'Under 17 a quelli della Nigeria. Le nostre Nazionali, comunque seppur in un contesto di grande difficoltà su problemi di competitività che tutti conosciamo, ci sono e sono presenti".

"L'Inghilterra non sta né alla Confederations Cup né alla fase finale dei campionati europei Under 21, quindi noi dobbiamo essere consapevoli delle nostre problematiche, ma dobbiamo avere, come lo ha Lippi, l'orgoglio di rivendicare un ruolo per il calcio italiano", ha proseguito Abete. "Non dobbiamo commettere l'errore di farci prendere da considerazioni pessimistiche - ha detto Abete, a margine della cerimonia del Premio Onesti consegnato a Gianni Letta al Coni -  non è che tutti gli altri Paesi siano presenti in tante competizioni come lo siamo noi in questo momento. Penso alla Francia, all'Inghilterra a Croazia, per non parlare di Portogallo e Svezia, che sono in difficoltà per le qualificazioni mondiali. Anche noi dovremo ancora soffrire ma siamo in una posizione migliore".

"Campioni come Ibrahimovic e Cristiano Ronaldo rischiano di  non fare il Mondiale", ha sottolineato, aggiungendo: "Mi associo a quanto dice Lippi quando afferma che noi abbiamo vinto  quattro Mondiali e la Spagna no". Abete raggiungerà il Sudafrica solo per la terza partita degli azzurri con il Brasile domenica prossima: "La Spagna indubbiamente è molto forte, ma noi siamo pronti e motivati. Ci confronteremo con questo scenario con lo spirito giusto e una preparazione buona".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky