Caricamento in corso...
21 giugno 2009

Notte da faraoni, nazionale egiziana derubata dalle squillo

print-icon
egi

La nazionale egiziana derubata da alcune prostitute

E' costata cara alla selezione africana la festa per il successo di giovedì sera contro l'Italia nella Confederations Cup. Denunciati furti nelle stanze dei giocatori: nessun segno d'infrazione, ma le telecamere hanno registrato il via vai di donne

IL CALENDARIO DI TUTTE LE PARTITE DELLA CONFEDERATIONS CUP

COMMENTA NEL FORUM DEGLI AZZURRI


Una notte brava è costata cara ai giocatori dell'Egitto. Secondo il quotidiano  sudafricano 'City Press', i calciatori della selezione africana sono stati derubati da alcune prostitute dopo la vittoria ottenuta giovedì contro l'Italia alla Confederations Cup.

La federazione africana ha denunciato una serie di furti che  sarebbero avvenuti mentre la squadra era in campo giovedì contro gli azzurri. In realtà, secondo le informazioni fornite da fonti di  polizia e dell'hotel, nelle stanze dei giocatori non sono stati  individuati segni di effrazione. Nei filmati delle telecamere a  circuito chiuso, inoltre, sono individuabili diverse donne che fanno  la spola tra le camere.

Un altro quotidiano, il 'Sunday Independent', aggiunge dettagli. "Abbiamo ragione di credere che i giocatori abbiano portato le donne nell'edificio e poi siano stati derubati", dice un anonimo funzionario di polizia. Secondo Rich Mkhondo, portavoce del comitato organizzatore della Confederations Cup, la vicenda e' diventata "torbida". Il titolo del 'Sunday Independent', che descrive i giocatori "beccati con i pantaloni calati", ha mandato su tutte le furie Samir Zahir, presidente della federcalcio egiziana.

"Penso -ha detto all'agenzia Dpa- che si sta provando a distogliere l'attenzione dall'argomento principale, la sicurezza, e si sta cercando di creare uno scandalo". La federcalcio ha preannunciato una nota ufficiale sull'argomento.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky