21 giugno 2009

Camoranesi-Toni-Iaquinta: è il trio d'attacco anti Brasile

print-icon
ton

Luca Toni e Gigi Buffon durante un allenamento dell'Italia

Il ct Lippi, nella rifinitura, ha schierato il 4-3-3 con Dossena in difesa e Montolivo a centrocampo: "Se dovesse andare male non cambierà nulla, questi sono i giocatori migliori che l'Italia può dare alla Nazionale, non ci sarà nessuna rivoluzione"

IL CALENDARIO DI TUTTE LE PARTITE DELLA CONFEDERATIONS CUP

COMMENTA NEL FORUM DEGLI AZZURRI

"Lo dico prima di giocare: nessuno pensi a chissà cosa ci sia qua se per caso le cose non dovessero andare bene". Marcello Lippi mette subito le cose in chiaro: nessuna rivoluzione, anche se l'Italia dovesse uscire dalla Confederations Cup. "Sento parlare di rinnovamenti, ma questi sono i migliori giocatori che ora l'Italia può dare alla Nazionale - spiega il ct dell'Italia - Altri giovani, che già sono venuti con noi, saranno inseriti, ma gradualmente. Possono fare o scrivere quello che vogliono, sia chiaro che il progetto è questo". E ancora: "Se avessi portato sei o sette giovani e avessimo perso con una nazionale sperimentale, pensate che non si sarebbe detto Perchè siamo venuti con questa Nazionale?".

Dossena in difesa, Montolivo a centrocampo ed in attacco un trio Camoranesi-Toni-Iaquinta. Sono queste le indicazioni fornite dalla rifinitura che Marcello Lippi ha fatto svolgere agli azzurri a poche ore da Italia-Brasile, ultima partita della prima fase di Confederations Cup, decisiva per la qualificazione. Lippi ha disposto i giocatori con una difesa formata da Zambrotta, Cannavaro, Chiellini e Dossena; a centrocampo De Rossi, Pirlo e Montolivo; in avanti Camoranesi a supporto di Toni e Iaquinta.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky