Caricamento in corso...
23 giugno 2009

Lippi: ringiovanire il gruppo? Sì, ora vado dal mio nipotino

print-icon
lip

Lippi durante Italia-Brasile

Gli azzurri, rientrati a Fiumicino da Johannesburg, rispondono alle critiche. Cannavaro non ci sta: "Se dò fastidio il mio posto è a disposizione, ma in Italia non vedo giovani fenomeni e non è vero che non abbiamo voluto Cassano con noi"

IL CALENDARIO DI TUTTE LE PARTITE DELLA CONFEDERATIONS CUP

COMMENTA NEL FORUM DEGLI AZZURRI

ITALIA-BRASILE 0-3: COMMENTI POST PARTITA

"Ringiovanire il gruppo? Sì, adesso vado a casa e c'è il mio nipotino". Il ct azzurro Marcello Lippi risponde con una battuta, ai microfoni di Sky Sport, alle domande relative alla necessità di modificare il gruppo della Nazionale. La selezione azzurra, eliminata nella prima fase della Confederations Cup, è rientrata oggi in Italia. La delegazione è atterrata stamane a Fiumicino.

"Basta con questa storia dei vecchi, oramai è diventata una moda. Se proprio dò fastidio, il mio posto è a disposizione: ma decide Lippi". Fabio Cannavaro reagisce a chi accusa la nazionale italiana di essere oramai troppo anziana, senza motivazioni, in sostanza decotta. "Io non sono qui solo perchè ho alzato la Coppa del Mondo - ha aggiunto il trentaseienne capitano azzurro, a bordo del charter che ha riportato la squadra di Lippi in Italia dopo una notte di volo da Johannesburg - Tutti hanno in mente le sette partite di Germania 2006, e a confronto gioco sempre male. Ma come Lippi credo che i giocatori che sono qui sono i migliori offerti al momento dal nostro calcio".

"Fenomeni, in giro per il calcio italiano, non ne vedo". E' esplicito Fabio Cannavaro, sul volo di ritorno dal Sudafrica. Dopo il fallimento azzurro in Confederations Cup, il capitano dell'Italia è la voce della delusione azzurra, e non solo perchè il discorso dei 'vecchietti' lo vede in prima fila tra i cosiddetti imputati. Ma nella desolazione di un calcio da ricostruire, indica un giocatore: "Cassano? Non è vero che il gruppo non lo vuole. Siamo tutti legati ad Antonio, gli ho detto tante volte che ha pagato i suoi errori. Decide Lippi, ma a Genova ha trovato tranquillità e una fidanzata, spero faccia bene il prossimo anno, e allora potrà venire in nazionale: ha le qualità per stare qui". Ma a parte il sampdoriano, c'è un calcio intero da rifondare, secondo Cannavaro. "Non ci sono più i Totti, i Baggio, i Del Piero. Bisogna ricostruire, e non solo la nazionale. Partiamo dalle infrastrutture, gli stadi, ma anche dai settori giovanili. Oggi un difensore - ha concluso l'azzurro - basta che sia alto bello biondo e faccia un dribbling, e si pensa possa giocare".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky