Caricamento in corso...
14 luglio 2009

Sudafrica 2010: solo 250 dollari al mese, operai in sciopero

print-icon
spo

Scioper degli operai in Sud Africa addetti alla costruzione degli stadi: chiedono un aumento di salario

Chiedono un aumento del 13% i 70mila addetti alla costruzione di stadi e altre strutture per il prossimo Mondiale. Sognano un po' di quei benefici che, secondo il presidente della Fifa, la competizione dovrebbe garantire alla popolazione

COMMENTA NEL FORUM DEL CALCIO INTERNAZIONALE

Una grande occasione di riscatto. Dopo la Confederations Cup, i Mondiali sudafricani del 2010 devono dare la spinta decisiva per il rilancio dell'economia e dell'immagine di un paese e di un continente intero. E loro questa occasione non vogliono farsela scappare. Loro sono i 70 mila operai che stanno costruendo le strutture del mondiale, e sono in sciopero da una settimana. Chiedono un aumento di salario del 13%. Chiedono un po' di quei benefici che - parola di Blatter- il mondiale doveva garantire a tutti i sudafricani. Guadagnano 225 dollari al mese, una cifra bassissima rispetto allo stipendio medio e al costo della vita in Sudafrica, e hanno già rifiutato una proposta di aumento dei datori di lavoro, giudicata insufficiente. Per questo ora sono intervenuti anche il governo e i delegati della Fifa, preoccupati per le ripercussioni sui tempi di realizzazione dei lavori. Stadi e infrastrutture devono essere completati infatti entro dicembre, e all'appello mancano ancora 5 impianti. Sul piatto un aumento fino a 250 dollari, da accettare o respingere entro giovedì. Ma gli operai confidano di poter strappare qualcosa in più, perché sanno che, senza di loro, il mondiale non potrà iniziare.

da SKY SPORT24

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky