Caricamento in corso...
26 luglio 2009

Attacchi da sogno, per la Champions non solo Real e Barça

print-icon
kak

Kakà e Cristiano Ronaldo i due nuovi acquisti del Real lanciano la sfida agli attacchi delle big d'Europa. Chi vincerà?

Le prossime sfide internazionali si presentano come un confronto basato, soprattutto, sulla forza dei reparti avanzati. Se le merengues dispongono di Kakà-Ronaldo-Benzema e i blaugrana di Messi-Ibra-Henry, le altre non sono da meno

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

Tre inglesi in semifinale per il secondo anno di seguito, ma l'anno prossimo in Champions le cose potrebbero cambiare. Oppure rimanere uguali, nel senso che la squadra campione in carica è spagnola e la tendenza potrebbe confermarsi nel maggio del 2010 vista la consistenza degli attacchi di Barcellona (con Ibrahimovic e Messi) e Real Madrid (con Cristiano Ronaldo, Kakà e Benzema).

I reparti avanzati di queste due squadre spaventano gli avversari, promettendo una potenza di fuoco mai vista. Nel Barcellona ci sarà Ibra le cui caratteristiche tecniche sembrano potersi integrare al meglio con quelle di Messi. Nel Barcellona ci saranno anche Thierry Henry e quel Bojan Krkic che prima o poi esploderà definitivamente.

I botti li ha fatti sicuramente Florentino Perez,
che vuole ad ogni costo conquistare la decima Coppa dei Campioni nella storia del Real (la finale dell'edizione 2010 si gioca proprio nella capotale spagnola), e per questo ha ripreso la presidenza del club e poi rilanciato la moda dei Galattici, prendendone tre in una volta sola: Kakà, Cristiano Ronaldo e Benzema. Il problema? cercare di far coesistere tutti ai quali si aggiungono Raul e Higuain.

Meno attive sul mercato, e più attente alla sostanza, sono state le squadre inglesi. Il Manchester United ha acquistato lo svincolato Michael Owen accanto a cui, oltre al confermato Rooney ci saranno un nugolo di giovani talenti: Valencia (23enne ecuadoregno arrivato dal Wigan) e Obertan (ventenne francese ex Bordeaux) e due che c'erano già, ovvero il talento serbo Tosic ed il ragazzino romano Federico Macheda.

Pochi colpi da parte del Liverpool, con Benitez che  continuerà a puntare moltissimo su Fernando Torres, con Kuyt, Gerrard e Babel o Benayoun alle sue spalle. C'è però chi dice che il tecnico spagnolo dei 'Reds' per il suo attacco mediti il lancio in grande stile di un ragazzino finlandese ancora minorenne, quel Lauri Della Valle che essendo di padre italiano farebbe ancora in tempo a scegliere le nazionali targate Figc.

Nel Chelsea di Carlo Ancelotti, l'attacco sarà affidato ai riconfermati Drogba, Anelka, Kalou, Joe Cole, con alle spalle Ballack e Lampard. In più è stata aggiunta la classe della stella russa Zhirkov, voluto personalmente da Abramovich. Ultima legittima pretendente alla Champions in virtù delle proprie capacità offensive è il Bayern Monaco, notevolmente rinforzatosi nel settore avanzato: pur cedendo Podolski al Colonia, ha messo Mario Gomez ed il croato Olic accanto a Toni e Klose. Al quartetto di punta va aggiunto l'estro del francese Ribery, costretto a rimanere e quindi ancora asso nella manica del nuovo tecnico Louis Van Gaal.

Il guanto di sfida è lanciato, ora sta all'Inter di Eto'o-Milito-Balotelli, alla Juve "brasiliana" di Amauri, Diego e Felipe Melo e di capitan Del Piero ed al Milan ancora senza centravanti raccogliere questa sfida. I segnali per ora non sembrano incoraggianti.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky