03 settembre 2009

Nazionale. Cannavaro: Cassano mi piace, Santon deve giocare

print-icon
iaq

Fabio Cannavaro ha detto la sua sul caso Cassano: la decisione spetta al ct

Il capitano dice la sua su FantAntonio e interista: "Le decisioni spettano al ct e vanno rispettate. Se Davide dovesse continuare a non giocare cosa deve fare a gennaio? Deve far in modo di poter giocare, altrimenti rischia di perdere il mondiale"

Cassano sì, Cassano no: sul tema del ritiro azzurro interviene il capitano della nazionale Fabio Cannavaro e spazza ogni dubbio. "A me uno come Antonio piace come giocatore, ma le decisioni spettano all'allenatore e vanno rispettate. Ora abbiamo Giuseppe Rossi, è lui che ci deve far fare il salto di qualità", ha detto il difensore della Juve e della nazionale."Non è per caricarlo di troppe responsabilità - ha continuato Cannavaro - ma è un giocatore che sa far gol e creare occasioni per gli altri. Ha 23 anni, in Spagna il suo talento è riconosciuto. E' ora che faccia la differenza per la nazionale".

Poi, parlando delle difficoltà dei giovani italiani a trovare spazio nei propri club, ha dato una sorta di consiglio all'interista Santon: "Giocatori come lui e Balotelli devono giocare, e non in allenamento. Purtroppo nei frangenti decisivi di una stagione si preferisce dare spazio a giocatori di esperienza. E' un peccato. Cosa dovrebbe fare Santon a gennaio  se continuasse a non giocare? - Ha concluso Cannavaro - deve far in modo di poter giocare. Altrimenti rischia di perdere il mondiale".

José Mourinho piace anche ai suoi avversari per la verve dialettica, ma senza esagerare: dal ritiro della Nazionale, è lo juventino Fabio Cannavaro a commentare il recente botta e risposta tra il tecnico dell'Inter e i suoi "nemici" in tema di scudetto. "Mourinho - ha detto lo juventino - mi piace perché è intelligente. Nei momenti di difficoltà della squadra è bravo ad attirare l'attenzione su di sé. Quello che invece non mi piace è che quando parla sembra che la sua sia legge. Forse perché, specie quando c'è poco da scrivere, ai media fa comodo dare risalto". Ma cosa pensa del timore espresso dal portoghese su Milan e Juventus all'ultima giornata? "Vedo che si è inserito bene nella mentalità italiana - la replica di Cannavaro - io spero di aver chiuso prima dell'ultima giornata il discorso, e  ovviamente a nostro favore. Così non ci sono sospetti italiani. Però anche io penso che l'Inter sia molto forte, ha una rosa  completa, per noi sarà molto difficile".

"Non mi pesa che si invochino Cassano e Amauri, io sono qui per dare il massimo. Loro sono due  grandi campioni, queste voci potrebbero caricarci di più, io vado avanti per la mia strada". Così Giuseppe Rossi reagisce davanti al continuo tormentone sulla mancata convocazione del  talento della Sampdoria e sul sempre più possibile arrivo in azzurro dell'attaccante brasiliano della Juventus.

"Io penso solo a fare e a dare il massimo - continua il  giovane attaccante del Villarreal - E' vero che l'attacco azzurro non segna da tre partite, ma sono cose che nel calcio  capitano. Il problema del gol non esiste e non ci pesa, lì davanti l'Italia ha tanti attaccanti che possono segnare in qualsiasi momento. E vedrete che nelle prossime due gare sarà così".

TUTTI I GOL DELLA SERIE A

ENTRA NEL FAN CLUB AZZURRI

LIPPI: NON CE L'HO CON CASSANO

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky