Caricamento in corso...
04 settembre 2009

Ananidze, il Giano bifronte che divide Georgia e Russia

print-icon
gia

Giano Ananidze, l'Amauri della Georgia che ha scelto il Paese d'origine anziché la Russia nazione in cui gioca nelle fila dello Spartak Mosca

L'attaccante di Cuper è una sorta di Amauri al contrario. Ha scelto di giocare con la Nazionale georgiana nonostante militi nella Russian Premier League con la maglia dello Spartak Mosca. Ha 16 anni ed è considerato un grande talento

C'è un Amauri anche per la Georgia del calcio, e il destino vuole che il suo nome sia Giano come il dio bifronte. Questa volta però è un Amauri al contrario, tra due passaporti ha scelto quello di nascita. Questa volta, soprattutto, la sua decisione è stata un nuovo pretesto per rinfocolare rivalità etniche e politiche alla base della guerra tra Mosca e Tbilisi dell'agosto 2008.

Giano Ananidze è un sedicenne attaccante dello Spartak Mosca. E' nato a Tbilisi da genitori georgiani ma presto è emigrato in Russia per il pallone. Ora il ct Hector Cuper lo ha convocato per la prima volta nella Nazionale di Georgia, e c'è chi tra i media locali assicura addirittura che potrebbe giocare uno scampolo di partita contro l'Italia. Quella di Cuper non è stata però solo una scelta tecnica. Attorno ad Ananidze si è infatti scatenata una vera e propria "battaglia" dei passaporti. I dirigenti russi, facendo leva sul fatto che il ragazzo è minorenne volevano che prendesse la cittadinanza a Mosca per sottrarlo alla sua patria d'origine.

I media georgiani sono insorti, arrivando a ipotizzare che al ragazzo fossero stati promessi 2 milioni di dollari non per giocare, ma solo per dire si alla nazione di Putin. "Io voglio indossare la maglia della Georgia", aveva detto mesi fa il biondo e sgusciante giocatore, prima di essere tacitato dal suo club che reclamava di non avergli dato il permesso di rilasciare interviste.  Ora la convocazione di Cuper taglia la testa al toro:  Ananidze non potrà mai più giocare per la nazionale Russa. Ma non mette certo fine alle liti del calcio, e non solo.

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky