Caricamento in corso...
07 ottobre 2009

Trapattoni: "Noi siamo in crescita e l'Italia ci rispetta"

print-icon
tra

Trapattoni e il suo celebre fischio

Il ct dell'Irlanda a tre giorni dalla sfida di Dublino contro gli azzurri: "Possiamo ancora qualificarci direttamente, stiamo attraversando un momento positivo e sono contento di non giocare contro Cassano. Lippi ha comunque diversi attaccanti pericolosi"

ENTRA E SCOPRI IL FAN CLUB AZZURRI

QUALIFICAZIONI MONDIALI: VERSO ITALIA-IRLANDA

L'Irlanda cresce di partita in partita e non teme l'Italia, soprattutto senza Antonio Cassano: a tre giorni dall'incontro contro gli azzurri Giovanni Trapattoni predica ottimismo nel ritiro irlandese. Alla nazionale del trifoglio, seconda nel Gruppo 8 delle qualificazioni mondiali, mancano solo due punti per assicurarsi un posto nei play-off mondiali. Ma la matematica non preclude neppure la clamorosa qualificazione diretta a scapito della stessa squadra di Marcello Lippi, ospite sabato a Dublino. "Fin qui siamo migliorati di partita in partita - le parole del ct dell'Irlanda -. Nel calcio può succedere di tutto, magari l'Italia perde entrambe le partite e l'Irlanda si qualifica direttamente. Ma la cosa più importante è che ora so che la mia squadra ha fiducia nei suoi mezzi. E con questo spirito negli spareggi possiamo incontrare qualsiasi squadra e vincere".

A Coverciano Lippi è costretto a rispondere alle domande sull'assenza di Cassano, un giocatore che Trapattoni ha sempre stimato, e convocato per gli Europei 2004 in Portogallo. "Sono contento che Cassano non giochi, ma Lippi ha quattro o cinque altri attaccanti tra cui scegliere, giocatori molto pericolosi. Penso - continua il Trap - che l'Italia ci rispetti, ed è una cosa importante. Hanno mandato osservatori per assistere alle nostre partite. Dicono che a Cipro abbiamo giocato meglio di loro".

Dopo l'Italia il prossimo avversario dell'Eire, mercoledì prossimo a Dublino, è il Montenegro, che non ha mai vinto in otto gare nelle qualificazioni mondiali. Nei play-off l'Irlanda potrebbe incontrare la Francia o il Portogallo, ma Trapattoni, che pure ha criticato la scelta della Fifa di assegnare le teste di serie negli spareggi (Eire è 38/o nel ranking mondiale), non teme nessuno. "Possiamo battere qualsiasi avversario. La Champions League lo ha dimostrato, anche i grandi club possono sempre perdere. Ho piena fiducia nei miei ragazzi", conclude Trapattoni che deve rinunciare a tre infortunati (Damien Duff, Steven Reid e Darron Gibson) oltre a Andy Reid (Sunderland), fuori per scelta tecnica e Stephen Ireland (Manchester City), che da tempo ha rinunciato alla nazionale.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky