08 ottobre 2009

Croke Park, lo stadio del sangue minaccia gli Azzurri

print-icon
mic

La locandina del celebre film Michael Collins, del '96

Il prato di Irlanda-Italia è pieno di storia: quella dei ribelli di Michael Collins, quella della "Bloody Sunday" del 21 novembre 1920, quella di un brano degli U2. Un prato caro ai gaelici, che il calcio può profanare di rado. GUARDA IL VIDEO DEGLI U2

ENTRA E SCOPRI IL FAN CLUB AZZURRI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

Un prato verde che nasconde il sangue di una Irlanda schiacciata da 700 anni di dominio inglese. Gli anni di  Michael Collins - descritto nel film di Neil Jordan nel 1996 - eroe della lotta di liberazione irlandese. Fondatore di un esercito di volontari- l'Armata Invisibile- che poi sarebbe diventata l'IRA. Unionisti contro repubblicani: anni di attentati e vittime.

Un verde dove si è consumato la prima vera Sunday Bloody Sunday, la prima di tante domeniche di sangue cantate anche dagli U2 di Bono. E il 21 novembre 1920, a Croke Park si sta giocando una partita di football gaelico quando fa irruzione l'esercito della Corona inglese, di re Giorgio V. E' un attimo: il fuoco aperto sulla folla, muoiono 12 spettatori, più un giocatore, Michael Hogan capitano della squadra del Tipperary.



A lui ora è intitolata una intera tribuna. E su di lui gli irlandesi hanno giurato: mai più i nemici inglesi su questo prato, mai più i loro odiati sport, come il calcio o il rugby. Useremo il Croke Park per i giochi gaelici come l'hurling, il camogie. Un divieto resistito per 77anni, fino al Sei Nazioni di rugby del 2007 ma solo perchè lo stadio del calcio e del rugby - il Lansdone Road- è in fase di ristrutturazione.

La Fortissima federazione gaelica, a fatica, ha concesso il permesso temporaneo, ma solo per due anni. Perchè per metà del popolo irlandese continua ad essere una sofferenza vedere il calcio al Croke Park. Un fatto di rabbia e di orgoglio, Spalti che traspirano un alone di storia. La storia che respireranno gli azzurri di Lippi a Dublino.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky