Caricamento in corso...
09 ottobre 2009

Quanti italiani fra i 50 peggiori (di sempre) in Premier

print-icon
spo

Massimo Maccarone, Rolando Bianchi e Michele Padovano, tre fra i peggiori flop italiani in Inghilterra

Il Daily Mail di Londra ha stilato la lista dei “Worst strikers to have played in the Premier League”: folta la comunità italiana. Tra questi Rolando Bianchi, Massimo Maccarone, Michele Padovano, Corrado Grabbi, Andrea Silenzi. Ecco la lista nera

di Lorenzo Longhi
da Londra

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

Rolando Bianchi, Massimo Maccarone, Michele Padovano, Corrado Grabbi, Andrea Silenzi: cos’hanno in comune? Un passato in Premier League inglese, certo, ma ora soprattutto, proprio in virtù di quel passato, un posto nella top 50 dei peggiori attaccanti che abbiano mai giocato nel massimo campionato inglese. È questo, almeno, il parere del Daily Mail che, questa settimana, ha stilato la lista dei “Worst strikers to have played in the Premier League”.

Folta, come detto, la comunità italiana: il peggiore della compagnia, secondo il giornale, è Andrea Silenzi, che in assoluto si colloca al 13mo posto tra i flop. Fu il primo italiano a giocare in Premier, nel 1995 al Nottingham Forest. Un disastro: 12 presenze in campionato senza reti in poco più di una stagione, due gol giusto in FA cup e League cup, prima del mesto ritorno in prestito al Venezia.

Poi Corrado Grabbi, posizione numero 23 per le sue due stagioni e mezzo al Blackburn di Graeme Souness: 30 presenze e 2 reti in Premier tra il 2001 e il 2004, inframmezzate da un prestito al Messina, per un costo di quasi sette milioni di sterline, uno dei peggiori affari del calcio inglese.

Poca gloria anche per Michele Padovano, che con 12 presenze e un gol nel 1997 con la maglia del Crystal Palace si colloca al 28mo posto, e per Massimo Maccarone, ventinovesimo più che altro a causa del rapporto qualità-prezzo:nel 2002 fu l’acquisto più pagato della storia del Middlesbrough (12,7 milioni di euro), fortemente voluto da Steve McClaren, peraltro predecessore di Capello sulla panchina dell’Inghilterra. Dopo un inizio confortante, le cose andarono tutte per il verso sbagliato, per “Big Mac”: le panchine, i prestiti a Parma e Siena, il ritorno. Alla fine, 18 gol in Premier, in 80 presenze.

Buon ultimo, tra gli italiani, Rolando Bianchi, 38esimo, che nel 2007 costò 13 milioni al Manchester City - allora la proprietà dei Citizens era del magnate thailandese Thaksin Shinawatra - ma non lasciò grandi tracce, nonostante la rete all’esordio, e fece ritorno in Italia dopo sei mesi.

Ma, italiani a parte, sono molti i volti noti in questa flop 50: tra coloro che hanno giocato in serie A l’ex juventino Kovacevic (49esimo), gli ex rossoneri Tomasson, Kluivert e Raducioiu (rispettivamente ai posti numero 34, 22 e 19) e Mario Jardel (11esimo, ma ad Ancona fece peggio che al Bolton).

Due vecchie conoscenze anche fra i primi 10: lo svedese ex Parma Thomas Brolin, settimo per la sua esperienza al Leeds, e soprattutto Andriy Shevchenko, ottavo, «una barzelletta» per il suo periodo al Chelsea. Il peggiore in assoluto? Stephane Guivarc’h, per cui il Daily Mail non ha pietà: campione del mondo con la Francia nel ’98 - ma senza mai segnare - venne acquistato dal Newcastle in estate. Durò appena il tempo di quattro partite.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky