Caricamento in corso...
12 ottobre 2009

Il Brasile cade in Bolivia e perde l'imbattibilità

print-icon
bol

Marcelo Martins esulta dopo aver segnato il gol del 2-1 al Brasile

I verdeoro, già qualificati per Sudafrica 2010, vengono sconfitti 2-1 a La Paz dalla nazionale di casa perdendo l'imbattibilità che durava da 19 incontri. E' il secondo exploit dei boliviani dopo il netto 6-1 inflitto all'argentina di Maradona

Dopo lo storico 6-1 all'Argentina di Diego, il 2-1 al Brasile dei tre Diego: il debuttante Souza in campo, Tardelli in panchina e quello che non c'è: il Diego juventino che, infortuni a parte, Dunga si ostina a non convocare. Già eliminata dalla corsa a Sudafrica 2010, la Bolivia, ma soprattutto l'altitudine di La Paz, continuano a stupire. Sei mesi fa, il cappotto alla Selecciòn fu un pesce d'aprile duro da digerire per Maradona, che per la prima volta sentì scricchiolare una panchina mai salda.

Adesso, il primo ko in 19 partite a un Brasile già qualificato, e dunque anche troppo sperimentale, con lo spento Adriano costretto a uscire alla fine del primo tempo per infortunio alla caviglia sinistra. L'unica soddisfazione, per il Cucciolo, il ritorno al gol di Nilmar, che chiude così un gran contropiede dell'interista Màicon. Abituata all'altura, la Bolivia parte fortissimo e passa in vantaggio al 10' con il colpo di testa del solissimo Olivares.

Il Brasile reagisce ma la rete di Luisao, al 26', viene annullata per carica sul portiere. Al 31', la squadra di Erwin Sanchez, che quando giocava veniva chiamato il Platini delle Ande, raddoppia con il pezzo forte del repertorio di "Le Roi", su punizione: la gran botta che lascia immobile Julio Cesar e s'infila sotto la traversa è di Marcelo Martins, 22enne che lo Shakhtar ha pagato 9 milioni per parcheggiarlo al Werder Brema dopo 14 partite e due gol.

Al 36' Dani Alves colpisce il palo. Nella ripresa Dunga fa entrare Diego Tardelli, Alex ed Elano, ma deve incassare la seconda sconfitta di queste qualificazioni dopo il 2-0 di Asunciòn contro il Paraguay, che lo ha agganciato in testa al girone. Il primato si deciderà all'ultima giornata, ma la sfida che conta resta quella a Montevideo: fra Uruguay e Argentina.

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky