Caricamento in corso...
14 ottobre 2009

Azzurrini, solo un pari con la Bosnia. Europeo a rischio

print-icon
spo

Pierluigi Casiraghi, ct dell'Italia U21 (fto Ansa)

Il pareggio contro il fanalino di coda del Gruppo 3 complica la vita all'Italia Under 21 di Casiraghi. Il ct scontento a fine gara: "Bene solo il primo tempo. E il loro gol è nato da un nostro errore"

L'Under 21 di Gigi Casiraghi non va oltre il pareggio contro la Bosnia Erzegovina, fanalino di coda del Gruppo 3, e con 4 punti in tre partite rischia di  compromettere definitivamente la qualificazione alla fase finale  dell'Europeo 2011 di categoria. Il secondo posto - che pure  potrebbe non bastare - adesso e' lontano 2 punti ed è occupato  dall'Ungheria (prossimo avversario degli azzurrini il 13  novembre), mentre il primo e' del Galles, avanti di 9 lunghezze,  seppur con due partite in più.

Deluso alla fine il presidente federale, Giancarlo Abete, che  nell'intervallo aveva auspicato un "cambio di marcia" , così  come i circa 4 mila spettatori del Martelli di Mantova, che  certo non hanno assistito ad una prestazione spettacolare degli  azzurrini. Alla fine ci si deve accontentare del gol-blitz di  Marilungo, dopo 9', e ci si dispera per il pareggio degli ospiti  con Coric alla mezz'ora.

Come annunciato, Casiraghi schiera il tridente, con Balotelli  (al 23' fischiato per aver fatto la 'foca' e perso palla nel  tentativo di superare Vranjes) e Marilungo, al fianco di  Paloschi. Balotelli scalda il pubblico al 6' con un tiro alto, 3' più tardi lascia filtrare un pallone per Poli che a sua  volta apre per Marilungo, mobile e solo a sinistra. L'attaccante  del Lecce fulmina Sehic e tiene fede alla promessa della vigilia  ("Se parto titolare non posso sbagliare").

L'Italia cerca il raddoppio, per chiudere in fretta la  pratica, ma la Bosnia, a dispetto degli zero punti in  classifica, non è affatto uno sparring-partner. Al 29' Galesic sale in cattedra e semina il panico, ma tira fuori. Passa un minuto e Coric approfitta del temporaneo black-out degli azzurrini, semina in slalom De Silvestri e Ranocchia, quindi calibra un tiro sul quale Seculin non può nulla: 1-1.

"Abbiamo disputato una partita a due facce: meglio il primo tempo. Abbiamo preso gol in superiorità numerica, abbiamo pagato a caro prezzo un errore. Poi, i nostri avversari si sono chiusi ed è stato tutto molto più difficile". Ha commentato così, il ct Pierluigi Casiraghi, il pareggio contro la Bosnia. "Adesso, il percorso diventa più duro di quanto non fosse prima di questa partita - ha concluso -. Sul piano dell'impegno non ho nulla da rimproverare ai giocatori; ci manca un po' di qualità a centrocampo, forse ci vuole un po' di tempo". 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky