Caricamento in corso...
14 ottobre 2009

Uruguay-Argentina, il match della vita che vale il Mondiale

print-icon
mar

Potrà ripetere questo gesto di festeggiamento, Dieguito, dopo il match con l'Uruguay

Ne resterà soltanto una. Chi dei due questa notte a Montevideo chinerà il capo, al Mondiale non ci andrà. Nemmeno attraverso gli spareggi. Ecco come Maradona e Tabarez vivono la vigilia di una sfida attesissima e infuocata

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

"Entrambe le squadre puntano a vincere, quindi i risultati degli altri non li guardiamo nemmeno. Sarà una grande sfida, un grande spettacolo, comunque vada. Scenderemo in campo per aggredire l'Argentina senza paura, ma con rispetto, e con la consapevolezza che un errore può costarci il Mondiale" dice Sebastian Abreu.

Ne resterà soltanto una. La vigilia dello scontro finale tra Uruguay e Argentina è tutta qui: chi dei due, questa notte allo stadio del Centenario di Montevideo, chinerà il capo, al Mondiale non ci andrà. Nemmeno attraverso gli spareggi. Se la corsa al quarto posto è un gioco a due, infatti, tra Maradona e Oscar Tabarez, il quinto posto è un terreno fuori dalla giurisdizione di entrambi: comunque finisca al Centenario di Montevideo, sarà l'Ecuador a decidere. La squadra che ha occupato stabilmente il quarto posto fino a sabato scorso, quando proprio l'Uruguay l'ha ricacciata indietro vincendo a Quito per 2-1. Ora l'Ecuador ha dalla sua le motivazioni, la rabbia che a Santiago, contro il Cile già qualificato, dovrà fare la differenza. La classifica parla chiaro: quarto posto impossibile - ci vorrebbe un 5-0; quinto assolutamente certo se in Cile arriva la vittoria.

Per questo l'Argentina è in una posizione di vantaggio: la differenza reti la mette al sicuro dall'Ecuador, insomma Messi e i suoi hanno a disposizione due risultati su tre. L'Uruguay, invece, può soltanto vincere. Un tema noto a Forlàn e compagni, lo stesso di quattro giorni fa. Un tema che non li spaventa. Dice Tabarez: "Abbiamo completato il nostro obiettivo al 50%, ed è arrivato il momento di prenderci l'altro 50. Siamo fieri di aver guadagnato questa opportunità, e ora ci aspettiamo di sfruttarla". Novanta minuti senza calcoli, con la radio spenta. Fino alla fine.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky