27 ottobre 2009

Liga e Premier "influenzate". Italia: no vaccino al calcio

print-icon
ric

Influenza suina. Anche il Bolton può annoverare già 5 casi (foto ap)

Emergenza suina in Inghilterra: dopo il Blackburn anche i Wanderers di Gary Megson sono stati contagiati dal virus H1N1. In Spagna si parla di dieci casi di contagio nel Betis Siviglia. LA GALLERY

IL MEDICO DEGLI AZZURRI: RISCHIO CONTAGIO. FAZIO, IL CALCIO NON HA LA PRIORITA'

Emergenza influenza A nella Premier League. Dopo il Blackburn, anche il Bolton ha reso noto che cinque suoi giocatori e un membro dello staff sono stati contagiati dal virus H1N1, anche se quattro calciatori si sono già ripresi. L'annuncio è stato dato dall'allenatore del club, Gary Megson, alla vigilia della sfida di Carling Cup contro il Chelsea di Carlo Ancelotti. Per ora il Chelsea minimizza l'allarme per un possibile contagio dei suoi giocatori che sabato avevano affrontato proprio il Blackburn, squadra in cui sono già stati accertati cinque casi di calciatori contagiati. Al momento in Inghilterra nessuna gara è stata rinviata, a differenza di quanto accaduto in Francia per Marsiglia-Paris Saint Germain.

Nella seconda divisione del campionato spagnolo invece potrebbero essere addirittura 10 i calciatori cotnagiati. Il virus avrebbe colpito lo spogliatoio del Betis Siviglia: lo ha annunciato lo stesso club spagnolo con una nota diffusa sul suo sito internet. Nella nota, il medico sociale Tomas Calero sottolinea che "cinque calciatori, Carlos Garca, Sergio Garca, Arzu, Sunny e Nelson hanno manifestato i sintomi dell'influenza A e c'è il sospetto che altri cinque abbiano contratto il virus. I test sono stati effettuati oggi, e i risultati saranno disponibili tra 48 ore". Calero ha aggiunto che "i sintomi indicano che si tratta di influenza suina, ma dobbiamo attendere i risultati".

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky