10 novembre 2009

Germania sotto choc, morto suicida il portiere Enke

print-icon
enk

Robert Enke aveva giocato anche col Barcellona e col Benfica (foto Lapresse)

Il 32enne estremo difensore dell'Hannover e della Nazionale tedesca era tornato a giocare in Bundesliga dopo una malattia. Enke si sarebbe buttato con l'auto sotto un treno. Tre anni fa aveva perso la figlia, morta per problemi cardiaci. LE FOTO

E' morto Robert Enke, 32enne portiere tedesco dell'Hannover 96 e della nazionale tedesca. Secondo l'agenzia tedesca SID che riporta le parole della polizia di Hannover, Henke è stato investito da un treno mentre era sulla sua automobile nei pressi di un passaggio a livello. La dinamica dell'incidente, sempre secondo la polizia, fa pensare al suicidio. Il portiere non giocava da diverse settimane anche se l'Hannover non aveva mai comunicato la ragione dell'assenza. Enke era tornato in campo in Bundesliga il 30 ottobre contro Colonia.

"Robert si è suicidato alle sei di questo pomeriggio, lo posso confermare": lo ha detto un amico di Robert Enke, a conferma dell'ipotesi avanzata dalla polizia. Il portiere, che aveva 32 anni, lascia la moglie ed una bambina di otto mesi adottata lo scorso mese di maggio, tre anni dopo la scomparsa della loro figlia di due anni, morta per una malattia cardiaca. Sconvolti il ct Joachim Loew ed il manager della nazionale Oliver Bierhoff: "Siamo choccati - il commento - non sappiamo cosa dire". Costernato il presidente dell'Hannover Martin Kind: "E' stato un incidente, un disastro assoluto. Una cosa che non riesco a comprendere". Enke, successore di Lehmann durante Euro 2008, era infortunato da alcune settimane. Nella sua carriera ha vestito la maglia del Benfica, e quelle del Barcellona e del Tenerife.

Guarda le foto di Robert Enke

COMMENTA NEL FORUM DEL CALCIO ESTERO

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky