Caricamento in corso...
16 novembre 2009

Amauri italiano dal 5 marzo. Prima dei mondiali il futuro ct

print-icon
juv

Amauri in azzurro? Non prima del 5 marzo 2010

Il centravanti bianconero potrà diventare azzurro a primavera, con buona pace di Pazzini: "Non è italiano". Abete si porta avanti: "L'erede di Lippi? Andremo in Sudafrica con le idee chiare". Giornata speciale per Fonte, il giovane primavera del Cesena

ENTRA NEL FAN CLUB AZZURRI

L'attaccante juventino Amauri, brasiliano di nascita, potrà giurare e diventare cittadino italiano, ma non prima del 5 marzo 2010. Lo si è appreso in ambienti del ministero dell'Interno, che a giorni dovrebbe comunicare la notizia alla Federcalcio italiana. Per Amauri, da tempo nel mirino del ct azzurro Marcello Lippi, salta così la possibilità di partecipare all'ultima amichevole della Nazionale italiana prima delle convocazioni per il Mondiale, prevista il 3 marzo con avversaria ancora da definire.

Un piccolo vantaggio per Giampaolo Pazzini, che si gioca le sue chance mercoledì a Cesena contro la Svezia, come centravanti titolare, e per almeno quattro mesi non dovrà fare i conti con la concorrenza di Amauri. L'ombra bianconera del centravanti brasiliano non lascia tranquillo il bomber blucerchiato: "Devo confessare che un po' dà fastidio. Capisco se uno è mezzo italiano e mezzo brasiliano, un conto è se non è proprio per niente italiano". 

Capitolo Lippi. Sulla questione è intervenuto il presidente della Figc. Le voci di un possibile addio del ct al termine del Mondiale 2010 si fanno insistenti: "Mancano ancora molti mesi. Ci siamo concentrati sulle qualificazioni, dovremo arrivare in Sudafrica con le idee chiare ma senza far diventare questo argomento l'unico problema".

Il caso Cassano, inoltre, non si sgonfia e Abete spiega la mancata convocazione del talento barese: "Lippi non convoca Cassano per convinzione, non per puntiglio - ha detto - Non lo ritiene funzionale alla competitività del gruppo. E' una valutazione legittima e rispettabile, il problema di un giocatore non può diventare il problema della Nazionale italiana".

C'è di nuovo Antonio Candreva nell'Italia che Marcello Lippi prova per la seconda amichevole di preparazione al Mondiale, mercoledì contro la Svezia. Nell'allenamento di stamattina, sul campo del Cervia, dopo l'addestramento tattico il Ct azzurro ha fatto disputare una partitella schierando quella che probabilmente sara' la formazione titolare. In porta Marchetti, in difesa Maggio, Legrottaglie, Chiellini e Criscito; a centrocampo Biondini, Montolivo e Candreva; in attacco Marchionni, Pazzini e Di Natale.

Un episodio curioso ha caratterizzato la partitella: per completare il numero di giocatori è stato chiamato un giovane della Primavera del Cesena, Emanuele Fonte. Che è figlio dello speaker di SKY (il nostro amico Davide, ndr). Il ragazzo è arrivato in ritardo all'allenamento perché é stato avvertito mentre era a scuola, un liceo scientifico di Cervia. Ha finito il tema su religione e laicità, ha fatto firmare il permesso di uscita e ha raggiunto il campo di allenamento degli azzurri.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky