Caricamento in corso...
24 novembre 2009

L'asma non ferma Beckham: ne soffre da quando era piccolo

print-icon
dav

David Beckham: il campione è atteso a gennaio dal Milan (foto AP)

Il procuratore del centrocampista inglese conferma quanto svelato dalle telecamere durante la finale Mls con i Galaxy quando Becks è rcorso a un inalatore: "L'asma non ha ostacolato la sua carriera: un esempio per chi si trova nelle sue stesse condizioni"

Un piccolo grande segreto che solo pochissimi conoscevano: David Beckham soffre di asma da quando è bambino. Nonostante la sovraesposizione mediatica del centrocampista dei Los Angeles Galaxy, e una lunga carriera ai massimi livelli, solo al termine della finale di Mls dello scorso fine settimana contro il Salt Lake City le telecamere hanno immortalato per la prima volta Becks ricorrere ad un inalatore per bloccare un violento attacco di tosse. "David soffre di asma da quando è bambino - la conferma del suo procuratore Simon Oliveira -. Ma ovviamente questo non ha mai condizionato le sue prestazioni. Non lo ha mai detto pubblicamente, ma se il suo esempio può ispirare chiunque si trovi nelle stesse condizioni tanto meglio".

Il prossimo mese Beckham, 34 anni, tornerà in prestito al Milan fino al termine della stagione, quindi con ogni probabilità farà parte della spedizione inglese in Sudafrica. L'inglese non è l'unico atleta di alto livello a soffrire di asma: secondo Mike Thomas, direttore sanitario di Asthma UK, anche il centrocampista del Manchester United Paul Scholes e la maratoneta Paula Radcliffe soffrono dello stesso disturbo, "ma per entrambi non è stata un ostacolo per raggiungere i più alti livelli nei rispettivi sport".

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky