Caricamento in corso...
25 novembre 2009

Tardelli perdona Henry: "Il suo è stato un gesto istintivo"

print-icon
hen

Il colpo di mano di Henry durante Francia-Irlanda

Il vice di Giovanni Trapattoni sulla panchina dell'Irlanda torna sul caso del fallo di mano che ha deciso lo spareggio con la Francia per Sudafrica 2010: "Henry è una brava persona. Domenech? Non è all'altezza degli altri grandi allenatori francesi"

Marco Tardelli assolve Thierry Henry e si scaglia contro Raymond Domenech. Il vice di Giovanni Trapattoni sulla panchina dell'Irlanda dice la sua, in un'intervista con l'emittente radiofonica RMC, sull'episodio che ha deciso la sfida-spareggio per la qualificazione ai Mondiali 2010 giocato contro la Francia a Parigi.

La nazionale transalpina si è qualificata grazie a un gol di  Gallas, ma l'azione era viziata da un evidente fallo di mano di Henry non sanzionato dall'arbitro. "Non sono arrabbiato", dice Tardelli  riferendosi ad Henry. "E' un fatto che può capitare a qualsiasi  giocatore, soprattutto in un match così importante per la qualificazione ai Mondiali. Non posso giudicarlo", prosegue Tardelli.  "Henry non è un imbroglione, il suo è stato un gesto istintivo. E' un grande campione e una brava persona", sottolinea Tardelli.

Il suo tono cambia quando si parla del ct della Francia: "Sono furioso con Raymond Domenech. Quando lo incontrai con l'Under 21 disse che gli italiani comprarono gli arbitri. E ora ha detto: quando arrivi all'università non conta come hai preso il diploma. Ancora  oggi non riesco a digerire le sue parole. Penso che Domenech non sia all'altezza dei grandi allenatori francesi", conclude Tardelli.

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky