01 dicembre 2009

Non solo Cantona: quando il cinema va nel pallone

print-icon
loa

Il francese Eric Cantona e Ken Loach sul palco del Festival di Cannes nel maggio scorso

L'ex geniale, rissoso e irriverente attaccante del Manchester United irrompe nelle sale italiane venerdì con l'ultimo film di Ken Loach. Ma lungo è l'elenco di sportivi con una seconda vita sul grande schermo. Ecco i casi più importanti e curiosi

di Lorenzo Longhi
da Londra

Soggettista e attore, Eric Cantona irromperà nelle sale venerdì, quando in Italia uscirà “Il mio amico Eric, ultimo film di Ken Loach che ha fra i protagonisti proprio il geniale, rissoso e irriverente ex attaccante del Manchester United. Ma Cantona, che non è al primo film, non è nemmeno l’unico ex calciatore ad avere scelto la carriera di attore dopo il ritiro.

Vinnie Jones, ex capitano del Galles e centrocampista di Leeds, Chelsea e Wimbledon, resta nell’iconografia calcistica per una particolare marcatura nei confronti di Paul Gascoigne e uno stile di gioco piuttosto sporco. Duro era in campo e duro è rimasto davanti alle cineprese: dopo aver debuttato nel 1998 in “Lock & Stock” di Guy Ritchie, in seguito ha avuto ruoli di tutto rispetto in “The Snatch accanto a Brad Pitt, “Fuori in 60 secondi” con Nicholas Cage ed è stato protagonista di “The mean machine”, remake di “Quella sporca ultima meta”, nel ruolo che fu di Burt Reynolds. Nel 2010, usciranno tre pellicole che lo vedono nel cast: in "The Irishman" reciterà assieme a Val Kilmer e Christopher Walken.

In Italia, l’esempio più noto è quello di Raf Vallone, 25 presenze in serie A con il Torino negli anni ’30, l’immortalità guadagnata da attore in “Riso Amaro” e “La ciociara”, nonché vincitore del David di Donatello per la recitazione in “Uno sguardo dal ponte” di Sidney Lumet.

Fuga per la vittoria” di John Huston (1981) fa storia a sé: di fatto, il calcio è la colonna portante del film, e inevitabilmente i calciatori sono protagonisti nel recitare, appunto, calciatori. Ecco allora, accanto a Michael Caine e Sylvester Stallone, Pelè, Bobby Moore, Osvaldo Ardiles e, più defilati, Paul Van Himst, Kazimierz Deyna e mezza rosa dell’Ipswich Town che pochi mesi dopo vincerà la Coppa Uefa, compreso il capitano, lo scozzese John Wark, che resta nella storia del film per aver pronunciato una sola frase. Ed essere stato comunque doppiato.

Calciatori a parte, sono numerosi i grandi sportivi che hanno provato, con maggiori o minori fortune, la carriera da attore. Fu un fuori pista clamoroso “Alex l’Ariete”, prima e unica uscita cinematografica di Alberto Tomba, un cult del trash, mentre nel caso di Bud Spencer la seconda vita davanti alla cinepresa ha notoriamente oltrepassato la carriera del Carlo Pedersoli nuotatore che, oltre ad aver partecipato a due Olimpiadi, è stato il primo italiano a scendere sotto il minuto nei 100 stile libero. Senza dimenticare l’americano Johnny Weissmuller: nuotatore cinque volte oro olimpico negli anni ’20, successivamente divenne il Tarzan cinematografico più famoso di sempre.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky