02 dicembre 2009

Mondiali 2010: l'Italia testa di serie, la Francia no.

print-icon
hen

Il celeberrimo fallo di mano di Henry nel match contro l'Irlanda

L'Olanda al posto dei Bleus e la Fifa ha bocciato i giudici d'area. Intanto è arrivata in Sudafrica la Coppa del Mondo. Venerdì alle 19 la cerimonia per formare i gironi. Presenti tutti i ct tranne lo squalificato Maradona. LA GALLERY E IL VIDEO

LE FOTO: TUTTI GLI STADI DEI MONDIALI 2010

TUTTI GLI ARTICOLI SUI MONDIALI 2010


COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

GUIDA TV: COSI' IL SORTEGGIO SU SKY

La Francia, campione del mondo del 1998 e finalista nel 2006, non è tra le 8 teste di serie dei Mondiali di calcio di Sudafrica 2010 il cui sorteggio è in calendario venerdì. Al suo posto è stata preferita l'Olanda. Queste, dunque,  le otto teste di serie: Sudafrica, Italia, Argentina, Brasile, Inghilterra, Germania, Olanda e Spagna. "Questa non è una sanzione nei confronti della Francia": così il segretario generale della Fifa, Jerme Valcke, commenta la definizione delle teste di serie per il sorteggio dei Mondiali di calcio di Sudafrica 2010 che ha visto l'esclusione della nazionale francese. Valcke ha assicurato che l'episodio del gol di Thierry Henry, viziato da un evidente fallo di mano durante lo spareggio con l'Irlanda, non è stato preso in considerazione nella definizione delle teste di serie. Ecco allora le quattro urne: Fascia 1 (teste di serie): Brasile, Spagna, Italia, Germania, Inghilterra, Olanda e Sudafrica (Paese organizzatore). Fascia 2: Australia, Giappone, Corea del Sud, Corea del Nord, Honduras, Messico, Stati Uniti, Nuova Zelanda. Fascia 3: Algeria, Camerun, Costa d'Avorio, Ghana, Nigeria, Cile, Paraguay, Uruguay. Fascia 4: Danimarca, Francia, Grecia, Portogallo, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Svizzera.

Niente giudici d'area -
La Fifa ha stabilito che non ci saranno i gudici di porta (o d'area) a coadiuvare l'operato della terna arbitrale. L'organismo internazionale ha bocciato, per il Mondiale, la proposta resasi necessaria soprattutto dopo l'errore dell'arbitro Nilsson in Francia-Irlanda sul gol di Henry che è costato la qualificazione alla nazionale di Giovanni Trapattoni.

E' intanto arrivata la Coppa -
La Coppa del Mondo è intanto arrivata questa notte a Città del Capo grazie allo sponsor ufficiale Coca Cola dopo essere stata in tournée in tutta l'Africa. Il trofeo è stato ricevuto come una celebrità: i dirigenti della Fifa e le autorità locali l'hanno infatti accolto a ritmo di musica. Lo stesso trattamento verrà presumibilmente riservato venerdì a Charlize Teron: l'attrice, premio Oscar nel 2004, è la madrina del sorteggio che verrà seguito da 200 milioni di telespettatori in 200 paesi del mondo e che potrete seguire, in diretta, su Sky Sport 1 (a partire dalle 17).

Il grande show di venerdì -
Attrici da Oscar, dunque, ma anche assi del pallone di oggi e di ieri, premi Nobel e capi di Stato: il sorteggio dei Mondiali di Sudafrica 2010 sarà tutto questo. La Fifa ha svelato i dettagli della cerimonia di venerdì al Centro Congressi di Città del Capo, dove, dalle ore 19 comincerà lo show all'interno del quale verranno formati gli otto gironi del torneo (11 giugno-11 luglio) che assegnerà il titolo iridato. A seguire in diretta tv questa kermesse che ha richiesto 3.600 ore di lavoro di preparazione (per allestire, tra l'altro, un palcoscenico di 4.800 metri quadrati) saranno 200 milioni di persone nel mondo; mentre dal vivo, oltre ai 2.000 ospiti 'eccellenti', l'evento verrà seguito da 1.715 giornalisti. Animatrice dello spettacolo - e conduttrice assieme al segretario generale della Fifa Jerome Valcke - sarà l'attrice Charlize Theron, premio Oscar 2004 che da tempo vive negli Usa ma è rimasta nel cuore dei sudafricani. I due chiameranno sul palco il Soweto Gospel Choir, vincitore di un Grammy, e poi ospiti d'onore del calibro di David Beckham, ormai più popstar che calciatore ma capace di andare in gol in tre diverse edizioni dei Mondiali; Heile Gebrselassie, pluricampione olimpico e mondiale di atletica e uomo-simbolo dello sport del continente africano; e il capitano del Sudafrica campione del mondo di rugby John Smit.

Presenti tanti personaggi-simbolo -
In più due personaggi dall'alto valore simbolico: Makhaya Ntini, primo giocatore di colore nella storia della Nazionale sudafricana di cricket (sport ancor più del rugby 'riserva' dei bianchi), e Matthew Booth, unico titolare bianco dei Bafana Bafana del calcio. Dovrebbero essere questi personaggi, davanti ad una platea d'eccezione di cui faranno parte anche i Premi Nobel per la pace Frederik W. de Klerk e Desmond Tutu, ad estrarre dalle 4 urne le palline con i nomi delle squadre che verranno progressivamente sorteggiate.
In precedenza ci saranno stati il discorso del presidente del Sudafrica Jacob Zuma e quello del numero uno della Fifa Joseph Blatter. Nelson Mandela, invece, non sarà presente ma invierà un messaggio video. Spazio anche a fuoriclasse del passato come Michel Platini, a Città del Capo anche in veste di presidente dell'Uefa, Franz Beckenbauer, Eusebio e Roger Milla.

Tutti i ct delle Nazionali - La Fifa annuncia poi la presenza di "quasi tutti i ct delle 32 Nazionali": dovrebbe mancare quello dell'Argentina, dato che Diego Maradona è stato squalificato per quanto detto dopo il match con l'Uruguay. Ma l'ex fuoriclasse del Napoli pensa di aggirare il divieto presentandosi come commentatore televisivo.

Il programma di venerdì - I criteri e le scelte per le teste di serie saranno svelati al termine della riunione, prevista per le 11, del comitato organizzatore con la commissione competizioni della Fifa. Alle 17, parlerà anche Blatter, al termine del comitato esecutivo straordinario della Fifa, deciso per discutere dei problemi causati dai recenti errori arbitrali (vedi Francia-Irlanda) e dall'emergere di nuovi scandali legati alle scommesse. Nel corso della riunione si parlerà anche della possibilità di introdurre fin dal Mondiale i due assistenti in più (quelli di linea) per l'arbitro. Giovedì altro esecutivo, stavolta 'ordinario', nell'isola di Robben Island, ma non nel carcere dove fu rinchiuso Mandela. Si parlerà del torneo iridato di Brasile 2014, e servirà a ratificare le teste di serie di Sudafrica 2010: quindi a far vedere che l'ultima parola, almeno formalmente, spetta a Blatter.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky