Caricamento in corso...
16 dicembre 2009

Panucci, frecciata a Lippi: io al Mondiale? Se fossi inglese

print-icon
chr

Christian Panucci con la maglia della Nazionale (foto AP)

Il difensore del Parma, che sta vivendo un periodo magico con i gialloblù, conferma il suo addio alla Nazionale, non nascondendo gli attriti con l'attuale ct e la stima che lo lega invece a Capello, tecnico dell'Inghilterra: "Non ho il passaporto inglese"

Christian Panucci ha ribadito che il suo addio alla Nazionale è definitivo: "Il 16 maggio, finito il Campionato, io vado via. Se anche mi chiamassero al Mondiale io sarò dall'altra parte del mondo". E poi, alludendo ai notori attriti con il ct azzurro Marcello Lippi e invece agli ottimi rapporti col coach inglese Fabio Capello, se l'è cavata con una battuta: "Il passaporto inglese mica me lo danno, per cui in Nazionale proprio non ci torno".

Panucci ha parlato in una conferenza stampa improvvisata in un hotel parmigiano, dove il presidente Ghirardi ha invitato la stampa per lo scambio degli auguri natalizi. Panucci, che sta vivendo un fine carriera magico e che proprio domenica ha segnato il gol con cui il Parma ha ricominciato la rimonta sul Bologna, poi battuto, ha fatto un bilancio in vista del ritorno a Roma, da avversario: "E' la citta' della mia vita, il mio amore, ci ho passato nove anni fantastici e sono legato a tutti. Non avrei, fino a sette mesi fa, mai voluto giocare questa partita. Ma siccome non mi piace perdere e ora sono del Parma, mi battero' fino alla morte. Lo farei anche se la Roma l'allenasse mio padre".

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DEL PARMA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky