Caricamento in corso...
27 dicembre 2009

Il fiuto di Ibra: "Conosco Mancini, farà grande il City"

print-icon
spo

Zlatan Ibrahimovic e Roberto Mancini ai tempi dell'Inter (foto Ansa)

Parole al miele di Zlatan per il tecnico marchigiano: "Il club ha capito che non si può diventare grandi in una notte. Roberto cambierà la loro mentalità". Insieme hanno fatto sognare i tifosi dell'Inter

UN ANNO DI SPORT, LO SPECIALE 2009

"Penso che il City abbia capito che non si può diventare il Barcellona o l'Inter in una notte. Serve molto tempo ma serve anche l'uomo giusto alla guida. E io credo che Roberto cambierà la mentalità del club da un giorno all'altro, perché è un grande allenatore e i giocatori se ne accorgeranno molto presto". Parole al miele quelle che Zlatan Ibrahimovic indirizza a Roberto Mancini, da poco più di una settimana alla guida del Manchester City. L'attaccante svedese, intervistato dal domenicale inglese "People", riconosce i meriti del suo ex allenatore, con il quale ha avuto un ottimo rapporto eccezion fatta, forse, per l'ultimo periodo di permanenza del tecnico jesino all'Inter.

"Solo i grandi allenatori sono in grado di gestire i grandi giocatori, e se questi vedono un tecnico debole, che non è stato mai in un top club, possono prendersi delle libertà. E questo è quello che potrebbe essere successo al City - dice il fuoriclasse del Barcellona -. Non è per sminuire Mark Hughes, ma il City adesso ha un allenatore che sa come gestire i grandi giocatori e le grandi squadre. Il City vuole diventare una grande squadra, e per farlo devi avere un manager che sa come vanno le cose".

Ibrahimovic, come fece qualche giorno fa l'ex compagno di squadra Zanetti, lascia intendere che Mancini non fa sconti all'interno dello spogliatoio: "Farà in modo che capiscano chi comanda e non sono sicuro che i giocatori del City siano abituati a ragionare così. Lo capiranno molto presto, oppure non verranno schierati. Mancini - sottolinea Ibra - ha molte caratteristiche di Mourinho, ed è ciò che la Premier League può aspettarsi. E' molto educato, calmo, sofisticato, ma quando ha bisogno di mostrare altri aspetti ne è ben capace. Se non è contento, te lo fa capire senza mezzi termini. E ti chiede tutto in ogni singolo allenamento".

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky