10 gennaio 2010

Lord Maradona vince la Top Ten delle parolacce 2009

print-icon
nat

L'ambito premio assegnato "per l'incosciente irriverenza con cui Maradona, in una conferenza stampa internazionale, sfoga la sua rabbia contro i giornalisti che lo avevano attaccato". I fatti il 14 ottobre scorso. LA GALLERY DI DIEGO E I VIDEO

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

Con una battuta davvero irripetibile, è l'allenatore della nazionale argentina, Diego Armando Maradona, a conquistarsi il primo posto nella Top Ten delle Parolacce 2009. Maradona si è conquistato l'oro nella classifica del turpiloquio più duro per la sua celebre frase detta a Montevideo, il 14 ottobre scorso, nella conferenza stampa dopo la vittoria 1-0 dell'Argentina contro l'Uruguay. "Per quelli che non  ebbero fiducia in me, chiedendo scusa alle signore, che me lo c...,  che continuino a c..." è lo sfogo rabbioso del pibe de oro rispondendo a un attacco dei media. Uno sfogo che gli è costato le  prime pagine di molti quotidiani. Ma, soprattutto, una condanna della Fifa a due mesi di sospensione e 16mila euro di multa.

Il primo posto nella Top Ten delle Parolacce 2009 è stato  assegnato al calciatore-allenatore "per l'incosciente irriverenza con cui Maradona, in una conferenza stampa internazionale, sfoga la sua rabbia contro i giornalisti che lo avevano attaccato. E per la solennità sanguigna con cui dice una volgarità da bar (o da stadio)". Salgono sul podio, al secondo posto, la produttrice  discografica italiana e giudice di 'X Factor', Mara Maionchi, mentre il terzo posto va al comico Checco Zalone autore di una canzone-parodia sul gossip Berlusconi-D'Addario.



Nella classifica, compaiono, tra gli altri, anche il premier spagnolo Zapatero, il presidente brasiliano, Luiz Ina'cio Da Silva, e il leader radicale Marco Pannella. A redigere la Top Ten delle  parolacce 2009 è lo psicolinguista Vito Tartamella che, anche  quest'anno, ha pubblicato on line la classifica delle affermazioni  più irriverenti dette nell'anno appena finito.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky