Caricamento in corso...
04 febbraio 2010

Coppa del Re, è tornato Luis Fabiano: gol e giù il cappello

print-icon
o_f

Luis Fabiano in versione cowboy

L'attaccante brasiliano corteggiato dal Milan per tutta l'estate del 2009 ha spianato la strada al Siviglia nella gara di andata delle semifinali di Coppa del Re contro il Getafe, vinta 2-0

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

di Alessandro Sugoni

Ripensando alla freddezza con cui accolse Huntelaar ad agosto e alle sue recentissime parole sull'inutilità dell'ultimo acquisto, Amantino Mancini, chissà se Silvio Berlusconi avrà avuto qualche rimpianto vedendo il gol di Luis Fabiano nella semifinale di Coppa del Re. O Fabuloso è uno che sa finalizzare, tanto per utilizzare le parole del presidente del Milan.

Ha lasciato un segno decisivo nella prima semifinale della Coppa del Re con un colpo di testa davvero fabuloso. Un gol che gli mancava dal 5 dicembre, ma anche una partita piena di tante altre magie: meraviglioso l'uno-due in area con Jesus Navas, che ha costretto Ustari ad una parata che va quasi contro le leggi fisiche: roba da extraterrestre isomma. Immagini che di certo non hanno sorpreso Leonardo: Luis Fabiano dall'estate scorsa è l'attaccante numero uno nelle lista dei suoi obiettivi. Chissà che il Milan non torni alla carica in estate.

Intanto, grazie al brasiliano, il Siviglia è quasi in finale. Dove proverà ad arrivare anche l'Atletico: per superare il Santander, Quique Sanchez Flores si affiderà al suo talismano. Non Aguero nè Forlan, ma Paulo Assuncao: ha saltato sei partire in stagione e senza di lui l'Atletico non ha mai vinto. Di fronte a lui Sergio Canales: nuovo oggetto del desiderio di Spagna. Le grandi squadre lo vorrebbero, le ragazze lo sognano e molte lo corteggiano pure. Al suo arrivo a Madrid è stato accolto così: ho provato un po' di vergogna con tante donne intorno - ha detto - con il suo viso ancora più bambino dei suoi diciannove anni. Non si illuda l'Atletico: in campo la sua timidezza sparirà, soffocata dalla sfrontatezza delle sue grandi giocate. A meno che Quique Sanchez Flores non chiami a marcarlo qualcuna delle sue spasimanti: forse l'unico modo per fermarlo.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky