Caricamento in corso...
05 febbraio 2010

Premier League, Portsmouth da record: 4 presidenti in 7 mesi

print-icon
cha

Balram Chainrai, il nuovo presidente del Portsmouth. Il quarto quest'anno

Balram Chainrai è il quarto proprietario con il difficile compito di cercare di salvare il club, se non dalla retrocessione almeno dal pericolo della liquidazione. In panchina, invece, una situazione di relativa tranquillità: un solo esonero. Per ora...

di Lorenzo Longhi
da Londra

Balram Chainrai è il nuovo presidente del Portsmouth, club attualmente all’ultimo posto nella Premier League inglese, avendo rilevato il 90% della compagine azionaria dei Pompey tramite la finanziaria Portpin. Fin qui, nulla di straordinario: Chainrai, tuttavia, è il quarto proprietario del Portsmouth negli ultimi sette mesi, in una girandola di cambiamenti societari da record per la società dell’Hampshire.

Tutto era iniziato lo scorso luglio, quando l’allora presidente Alexandre Gaydamak - magnate di origine russa, nato in Francia ma di passaporto israeliano e capace di portare i Pompey alla vittoria della FA Cup nel 2008 - aveva ceduto il Portsmouth allo sceicco di Abu Dhabi Sulaiman Al Fahim, noto per essere stato poco più di un anno fa il primo rappresentante dello sceicco Mansour nell’acquisizione del Manchester City. Tuttavia il regno di Al Fahim a Fratton Park è durato appena 40 giorni, peraltro molto intensi considerando i problemi finanziari che stavano venendo a galla. Così, il 5 ottobre, le quote di proprietà di Al Fahim vennero cedute al petroliere saudita Ali Al-Faraj, il quale aveva presentato un’offerta per rilevare la società alla guida di un consorzio di cui faceva parte anche il direttore generale del Portsmouth, Peter Storrie, di fatto l’uomo che ha gestito sinora il club e continuerà a farlo anche nei prossimi mesi.

Ma la crisi economica del Portsmouth si stava facendo sempre più grave, gli stipendi ai giocatori non venivano pagati da mesi e i debiti erano sempre di più, tanto che la Premier League aveva deciso di vietare ai Pompey di fare acquisti al mercato invernale.

Una situazione di embargo risoltasi solamente a fine gennaio, dopo il pagamento degli stipendi (grazie al denaro incassato dalla cessione al Tottenham del difensore Younes Kaboul e che ha portato poi alla cessione del club a Chainrai, che diventa così il quarto proprietario del Portsmouth in appena sette mesi, nell’intento di salvare il club - se non dalla retrocessione - almeno dal pericolo della liquidazione: stando a quanto scrive il Daily Mail, Chainrai cercherà di stabilizzare il club prima di cercare nuovi imprenditori disposti ad entrare nella società. La girandola, dunque, potrebbe non essere ancora finita.

Intanto, rimane il record: quattro proprietari in una sola stagione, tutti tycoon provenienti da diverse zone del mondo. Questo mentre, almeno in panchina, il Portsmouth ha vissuto una situazione di relativa tranquillità: nonostante la pessima classifica, in sette mesi i Pompey hanno avuto “appena” due manager, con l’esonero di Paul Hart a novembre e la sua sostituzione con Avram Grant. Il quale, da stamattina, è al centro di un altro scandalo apparso sul Sun per essere stato sorpreso in una casa d’appuntamenti a Southampton. Non c’è proprio pace, per il Portsmouth.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky