Caricamento in corso...
01 marzo 2010

Materazzi risponde a Zidane: "Molte grazie signore"

print-icon
zid

La celeberrima testata di Zidane a Materazzi durante la finale mondiale del 2006

Il difensore interista replica all'attacco di Zidane che aveva confidato a "El Pais" che preferirebbe morire piuttosto che chiedere scusa all'ex azzurro: "Sono senza parole, merci beaucoup, monsieur"

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

TUTTI GLI ARTICOLI SUI MONDIALI 2010

"Come direbbe Vasco: senza parole". Questo il secco commento che Marco Materazzi ha lasciato sul suo sito in risposta alle ultime dichiarazioni di Zinedine Zidane, che ha detto di preferire la morte piuttosto che chiedere scusa al difensore dell'Inter per la testata rifilatagli nel corso della finale mondiale del 2006 tra Italia e Francia. Il messaggio di Materazzi è arricchito da una foto piuttosto eloquente, che ritrae Zidane mentre lascia il campo espulso passando a fianco della coppa del Mondo senza neanche guardarla. E sull'immagine c'è scritto: 'Merci beaucoup monsieur', molte grazie signore.

Chiedere scusa a Materazzi, per la celebre zuccata nella finale dei mondiali in Germania? "Mai, piuttosto morire" assicura Zinedine Zidane, in una intervista oggi a El Pais. L'ex-capitano della nazionale francese visibilmente non ha ancora digerito lo scontro fisico-verbale con il difensore azzurro. Dopo la testata, venne espulso, e la Francia perse i mondiali. "Certo che me lo rimprovero, però se chiedessi scusa ammetterei che quello che ha fatto lui era normale. E per me non fu normale" dice Zizou, senza mai citare il nome dell'azzurro, che secondo la sua versione avrebbe insultato in campo sua madre.

"In campo succedono tante cose - spiega - ma quella volta non l'ho sopportato". "Non è una scusa. Ma mia madre era ammalata. Era in ospedale. Questo la gente non lo sapeva. Però era un brutto momento" ricorda l'ex-stella di Marsiglia, Juventus e Real Madrid. "Più di una volta hanno offeso mia madre, e non ho mai risposto. Però quella volta, è successo. Se fosse stato Kakà, un ragazzo normale, un ragazzo buono, certo che gli avrei chiesto scusa. Ma a quello là...! Se mi scusassi, mancherei di rispetto a me stesso e a tutti coloro che amo con tutta l'anima", si sfoga Zizou. "Chiedo scusa al calcio - conclude Zizou -, ai tifosi, alla squadra. Ma a lui non posso. Mai, mai. Sarebbe disonorarmi. Preferisco morire".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky