03 marzo 2010

Weiss il fenomeno: sarà in campo, in panchina e in tribuna

print-icon
wei

Vladimir Weiss, a sinistra, campione slovacco che rappresenta una dinastia pallonara

Stasera la Slovacchia (che ai Mondiali sudafricani è nel girone F, lo stesso dell'Italia) gioca in amichevole contro la Norvegia. E Vladimir Weiss è un nome uno e trino: padre, figlio e nipote che rappresentano 50 anni di calcio slovacco. L'ALBUM MONDIALE

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

GUARDA L'ALBUM DEI MONDIALI


TUTTI GLI ARTICOLI SUI MONDIALI 2010

di Lorenzo Longhi

There’s only one Vladimir Weiss”, c’è un solo Vladimir Weiss, i suoi tifosi non potranno mai cantarglielo: eppure quello di Vladimir Weiss, ventenne centrocampista del Bolton Wanderers e della nazionale slovacca, nel suo Paese è un nome di culto. Basti pensare che questa sera, quando la Slovacchia - che ai Mondiali giocherà nel girone F assieme all’Italia - affronterà in amichevole la Norvegia a Zilina, Vladimir Weiss sarà in campo, in panchina e in tribuna. Contemporaneamente. No, non è un caso di ubiquità. Semplicemente, Vladimir Weiss non è uno, ma sono tre: padre, figlio e nipote, e rappresentano circa cinquant’anni di calcio slovacco.

Meglio cominciare dalla fine, allora. Classe 1989, il Vladimir Weiss che tra poche ore scenderà in campo accanto ad Hamsik, è un esterno destro di centrocampo tra i più promettenti del calcio slovacco. Da gennaio gioca in prestito nel Bolton, ma è di proprietà del Manchester City e, dallo scorso agosto, è entrato a far parte del giro della nazionale del suo Paese, nella quale sinora ha assommato sei presenze. Artefice delle sue convocazioni è il ct della Slovacchia Vladimir Weiss, classe 1964, che di Vladimir (secondo l’usanza tradizionale da quelle parti, benché poco originale, di dare ai figli i nomi dei genitori) è il padre ed è stato il primo tecnico a qualificare la nazionale slovacca ad una fase finali dei Mondiali.

Vladimir Weiss senior ha anche un importante passato di calciatore: fu a lungo centrocampista dell’Inter Bratislava, ma vestì anche le maglie di Sparta Praga e Kosice guadagnandosi la nazionale. Anzi, due nazionali: 19 presenze con la Cecoslovacchia prima, con cui prese parte ai Mondiali di Italia ’90, e 12 con la Slovacchia in seguito al processo di indipendenza, conclusosi nel 1993, che aveva prodotto anche la separazione delle due federazioni calcistiche.

Ma, a sua volta, anche l’attuale ct slovacco è figlio d’arte. Il nome del padre? Vladimir, manco a dirlo, il Vladimir Weiss da cui è partito tutto e che questa sera sarà in tribuna a “controllare” figlio e nipote. Classe 1939, per undici anni fu difensore dell’Inter Bratislava, di cui divenne una leggenda, e anch’egli giocò nella nazionale della Cecoslovacchia, vincendo peraltro l’argento olimpico a Tokyo nel 1964. Ora tocca al nipote: tre generazioni di calcio e un nome - unico - per una dinastia che non ha eguali. Perché di Vladimir Weiss non ce n’è uno. Ce ne sono tre.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky