Caricamento in corso...
09 marzo 2010

Totti quasi Galactico: "Avevo detto sì al Real Madrid"

print-icon
tot

Francesco Totti avrebbe potuto giocare nel Real Madrid se solo avesse perseverato nella sua iniziale idea di trasferirsi in Spagna (Foto AP)

Il capitano della Roma racconta a Canal Plus come avrebbe potuto lasciare i giallorossi per raggiungere le merengues: "C'è stata un'occasione importante ma poi le cose sono cambiate. Vincere a Roma è impagabile"

GUARDA I GOL DELLA ROMA

COMMENTA NEL FORUM DELLA ROMA

Avrebbe potuto anticipare Antonio Cassano e diventare un compagno di squadra di Raul. Anzi, la trattativa era così avanzata che Francesco Totti aveva persino detto sì al Real Madrid. A svelarlo, in un'intervista a Canal +, è proprio il fuoriclasse giallorosso, che non nasconde di essere andato vicinissimo all'addio alla sua Roma. "C'è stata un'occasione importante in cui potevo andare al Real Madrid. Non ho detto no, anzi all'inizio ho detto sì. In quel momento avevo dei problemi con il club, però poi si sono risolti e le cose sono cambiate".

Come se non bastasse, arriva la conferma proprio di Raul: "Sembrava potesse arrivare, poi però le cose non sono andate così. Sarei stato onorato di giocare con lui, perché è stato uno dei migliori giocatori della storia. A qualsiasi squadra sarebbe piaciuto averlo in organico". Totti parla anche della sua carriera, individuando il momento piu' bello nello scudetto del 2001 con Capello: "Ho realizzato un sogno che avevo sin da bambino. Ho sempre detto che vincere uno scudetto a Roma equivale a vincerne dieci nel resto d'Italia. A Roma, poi, erano vent'anni che non si vinceva il titolo e quando si vince è un delirio, la gente farebbe qualsiasi cosa per questi colori".

C'è anche un accenno alla possibile partecipazione ai Mondiali sudafricani: "Non so, bisognerà valutare la mia condizione fisica e se il gruppo mi vuole", la chiosa del numero dieci giallorosso.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky