Caricamento in corso...
11 aprile 2010

Messi, niente giri di parole: "Siamo i più forti di tutti"

print-icon
cla

A Madrid Leo Messi ha portato in vantaggio il Barça con un gol di destro. Nella ripresa Pedrito ha segnato il definitivo 0-2

Il Pallone d'Oro, ancora una volta decisivo con il gol che ha sbloccato il Clasico al Santiago Bernabeu, non ricorre alla diplomazia: "La squadra ha dimostrato che, in questo momento, è superiore a chiunque". Che sia un messaggio all'Inter? LE FOTO

"Siamo più forti di tutti". Leo Messi può permettersi di dire quello che vuole dopo l'ennesimo show. Il fuoriclasse argentino ha guidato il Barcellona al netto successo per 2-0 sul campo del Real Madrid, sbloccando il risultato nel primo tempo con una conclusione di destro, il suo piede "meno buono". Il trionfo nel clasico lancia i catalani verso il titolo.

Ora, la squadra di Pep Guardiola ha 3 punti di vantaggio sul Real Madrid a 7 giornate dalla fine del campionato. In caso di arrivo a pari punti, gli azulgrana sarebbero in vantaggio visto il doppio successo nei confronti diretti. "La squadra ha dimostrato che, in questo momento, è superiore a chiunque", sono le parole di Messi che campeggiano praticamente su tutti i quotidiani spagnoli, sportivi e non.

"E' stata una partita equilibrata, tra due squadre che si rispettano. Abbiamo sfruttato le occasioni e per questo abbiamo vinto. La Liga non è finita, non siamo ancora campioni anche se abbiamo fatto un passo fondamentale verso il titolo", aggiunge la "pulce", che regala prodigi in ogni match. L'ennesimo show dell'argentino è un nuovo avvertimento per l'Inter, che dovrà provare ad arginare il Pallone d'Oro nella semifinale di Champions League. "Ci sono ancora partite difficili davanti a noi, io devo andare avanti così", si limita a dire con diplomazia.

Il "clasico" era stato presentato come il duello tra Messi e Cristiano Ronaldo, strapagata star che avrebbe dovuto trascinare il Real Madrid sul tetto del mondo. I castigliani, invece, rischiano di chiudere l'annata a mani vuote. Fuori dalla Champions, ora vedono evaporare anche la Liga. Senza contare che la Coppa del Re, terzo obiettivo per importanza, è sfumata da mesi per il flop contro i semidilettanti dell'Alcorcon. "Il Barcellona ci è stato nettamente superiore, però bisogna alzare la testa perché mancano ancora 7 partite. Una stagione fallimentare? Se vinciamo la Liga non si puo' parlare di fallimento", dice Ronaldo dopo la serata disastrosa. "Bisogna crederci, bisogna pensare che sia possibile", aggiunge l'ex giocatore del Manchester United. "Io sono un professionista, non bisogna arrendersi: si può vincere la Liga. Le sconfitte non piacciono a nessuno, ma bisogna imparare da queste partite. A volte si vince, a volte si perde: i conti si fanno alla fine".

COMMENTA NEL FORUM DEL CALCIO INTERNAZIONALE

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky