Caricamento in corso...
20 aprile 2010

Serbia: due calciatrici prendono a pugni una guardalinee

print-icon
pal

In Serbia, nel campionato femminile di serie A, due calciatrici hanno picchiato una guardalinee che era intervenuta per sedare una rissa in campo

Aggressione tutta rosa allo stadio di Kragujevac durante l’incontro di campionato femminile di serie A fra la squadra locale del Susice e lo Jerina di Smederevo: due giocatrici hanno colpito una guardalinee che aveva cercato di difendere l’arbitro

In Serbia due calciatrici del campionato femminile di serie A hanno picchiato una guardalinee che aveva cercato di difendere l’arbitro nel corso di una rissa scoppiata in campo. L’aggressione tutta al femminile, riferisce la stampa, è avvenuta domenica scorsa allo stadio di Kragujevac (Serbia centrale) durante l’incontro di campionato fra la squadra locale del Susice e lo Jerina di Smederevo, vinto dalle padrone di casa per 3 a 0.

Per protestare contro un cartellino giallo inflitto a una loro compagna di squadra, le giocatrici dello Jerina si sono dirette minacciose verso l’arbitro. E’ per questo intervenuta la guardalinee Natasa Kricak, che si interposta fra l’arbitro e le atlete dello Jerina nel tentativo di sventare l’aggressione. E’ stato a quel punto che due giocatrici tra le più animose si sono avventate contro di lei colpendola più volte con pugni alla testa. E’ subito intervenuta la polizia, che ha sottratto la guardalinee alla furia delle calciatrici, trasportandola in ospedale. Dopo essere stata visitata e medicata, la guardalinee è stata dimessa, mentre le autrici dell’aggressione sono state ascoltate da un giudice. Secondo i media di Belgrado, è la prima volta che in Serbia si registra un incidente del genere nel campionato di calcio femminile.

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky