Caricamento in corso...
23 aprile 2010

Il Boca Juniors ha DNA lucano. Lo dice una ricerca

print-icon
spo

Il Boca Juniors ha origini lucane secondo una ricerca

Che il club di Buenos Aires avesse origini italiane era cosa nota, ma ora un gruppo di ricercatori corregge il tiro: i fondatori, Juan e Teodoro Farenga, sono figli di un emigrato nato in provincia di Potenza

Che il Boca Juniors - squadra di Buenos Aires famosa per i suoi successi calcistici, ma soprattutto per il suo giocatore più famoso, Diego Armando Maradona - avesse radici italiane, è cosa nota: la tradizione vuole che a costituire la società fossero stati alcuni genovesi all'inizio del Novecento (il nome del club deriva proprio da Boccadasse, sobborgo del capoluogo ligure). Ma in realtà due dei fondatori, Juan e Teodoro Farenga, sono figli di un emigrato lucano, Francesco Paolo, nato a Muro Lucano (Potenza), nel 1847. E' quanto emerso dalle ricerche effettuate in Argentina dalla Commissione regionale Lucani all'estero.

I nomi di Juan e Teodoro sono indicati nella storia del Boca Juniors, pubblicata sul sito web ufficiale del club: erano due degli otto figli di Francesco Paolo, emigrato a Buenos Aires a 20 anni, nel 1867. Ai due lucani, il primo aprile 1905 si unirono Santiago Sana, Alfredo Scarpatti, Esteban Baglietto (quest'ultimo divenne poi il primo presidente del Boca), e proprio a casa di Juan e Teodoro si riunì per la prima volta il comitato direttivo fondatore, il 3 aprile 1905. Dopo 105 anni, il 2 maggio prossimo a Buenos Aires, sarà uno dei nipoti dei due Farenga, Juan Antonio, a ricevere un premio dalla Commissione regionale per i lucani all'estero.

COMMENTA NEL FORUM DEL CALCIO INTERNAZIONALE


Guarda anche:
Boca Juniors, i suoi primi 105 anni. Ecco la nuova maglia
La Bombonera scarica Maradona: "Sei un traditore"

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky