Caricamento in corso...
11 maggio 2010

Ancelotti: ''Quello inglese è il miglior calcio del mondo''

print-icon
anc

Carlo Ancelotti è il primo italiano a vincere in Inghilterra (foto Ap)

Il tecnico italiano del Chelsea, fresco vincitore in Premier League, tesse le lodi del campionato inglese: ''A Londra mi sento a casa, questione di atmosfera intorno alle partite, di assenza di pressione, di coinvolgimento della gente''

"A Londra mi sento a casa, questione di atmosfera intorno alle partite, di assenza di pressione, di  coinvolgimento della gente. Secondo me è il migliore calcio del mondo". A parlare è Carlo Ancelotti, che in un'intervista a La Repubblica, racconta le sue sensazioni dopo la vittoria del quarto titolo nazionale per il Chelsea.

L'allenatore delinea subito le differenze del calcio italiano e quello inglese. In primo luogo, l'aggettivo "vecchio", in Inghilterra viene usato più correttamente. "Il capitato Terry è 'old' - afferma Ancelotti - lui che non ha ancora 30 anni, nel senso che è cresciuto nell'accademia del club" ma in sostanza, ammette che il Chelsea è più giovane del suo Milan.

Rispetto agli acquisti fatti dal club, Ancelotti difende le posizioni: "è una società sana - sottolinea - senza debiti, può investire. Solo che non investe tanto per farlo. Ci sono giocatori del settore giovanile già pronti, la prima cosa che faremo sarà promuoverli" ed esclude l'acquisto di Pato, lui, "il Milan se lo tiene".

Quanto ai rossoneri, Ancelotti afferma che Leonardo "ha  gestito la situazione con buonsenso" ed esclude che le critiche di Berlusconi siano state il motivo del suo abbandono. "Credo che il suo sia stato uno sfogo mediatico". Un'altra differenza tra il calcio inglese e quello italiano, per Ancelotti, sta nelle polemiche: "se facessi polemica qui dopo la partita mi guarderebbero come un marziano - dice - . Spero che l'Italia possa raggiungere lo stesso grado di cultura sportiva".

COMMENTA NEL FORUM DEL CALCIO INTERNAZIONALE

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky