27 maggio 2010

Pellegrini: "Non conosco Perez. Kakà-Ronaldo? Non servivano"

print-icon
man

L'ormai ex allenatore del Real, Manuel Pellegrini

Il tecnico cileno dà l'addio al Real Madrid. "L'ultima volta che ho visto il presidente era l'agosto scorso. Non volevo cedere Robben e Sneijder, invece hanno preso Ronaldo e Kakà: non mi hanno ascoltato. Impossibile restare al Real più di un anno"

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIO INTERNAZIONALE

"Non posso parlare né bene né male di Florentino Perez perché non lo conosco, non lo vedo da agosto": e' questa la relazione che correva tra l'ex tecnico del Real Madrid Manuel Pellegrini ed il presidente del club che lo ha assunto un anno fa e licenziato ieri. L'allenatore cileno ha parlato ai microfoni della radio spagnola CadenaSer ripassando l'anno vissuto al Real Madrid: "Mi sa che mi avrebbero licenziato anche se avessi vinto la Liga, perché non è una questione di titoli ma di concezione del calcio", ha chiarito Pellegrini, che si è visto cacciare dopo un anno anche se aveva firmato per due. L'allenatore ammette che fin dall'inizio ha avuto idee diverse dal presidente: "Non so dove si sia rotta la relazione con Perez - ricorda il cileno -, ma c'è stata molta divergenza fin da quando chiesi pubblicamente che Robben e Sneijder rimanessero perché erano due giocatori importantissimi".

Entrambi i calciatori - poi arrivati in finale di Champions con Bayern e Inter - furono invece venduti dopo un mese dall'appello. "Non mi hanno mai chiesto di chi avevo bisogno per creare una squadra che giocasse il calcio che io volevo", affonda ancora il cileno, che riconosce di rispettare Florentino, ma di avere idee diverse sul ruolo del tecnico e su alcune scelte fondamentali: "Chiama giocatori che nessun allenatore pretenderebbe perché sono troppo cari, come Cristiano Ronaldo o Kakà". Il cileno se ne va "con la sensazione di essere rimasto a mezza via e con la frustrazione di non aver vinto titoli", ma ammette che sapeva a cosa andava incontro arrivando al Real, "perché nessun tecnico riesce a rimanere più di un anno". L'esperienza è servita a sapere, ha detto, che l'allenatore del Madrid non ha voce.

Guarda anche:

Perez annuncia Mourinho, ma l'affare non è fatto
De Rossi: "Se la Roma accettasse, andrei al Real"

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky